Doppia cerimonia oggi in occasione dell’adunanza solenne della Fondazione Da Como. Si assegna anche il riconoscimento dedicato a Candida Ferrarini

Lonato, si premiano le migliori tesi

14/06/2003 in Cultura
Di Luca Delpozzo
b.a.

Anche quest’an­no il pre­mio «Can­di­da Fer­rari­ni» decreterà il miglior elab­o­ra­to (poe­sia o tema) ded­i­ca­to a Lona­to, alle sue bellezze artis­tiche e risorse cul­tur­ali. La pre­mi­azione, in con­comi­tan­za con la 55esima adunan­za del­la , avver­rà oggi pomerig­gio nel­la sede del­la Fon­dazione, a par­tire dalle ore 16.30 e sarà pre­siedu­ta dal prefet­to di Bres­cia Anna Maria Can­cel­lieri. Il pre­mio, che è sta­to isti­tu­ito nel 2001 per volon­tà del­l’As­so­ci­azione Ami­ci del­la , è riv­olto agli stu­den­ti delle scuole ele­men­tari e medie del­la cit­tad­i­na garde­sana. Quest’an­no sono per­venu­ti 50 elab­o­rati, val­u­tati da un’ap­posi­ta com­mis­sione alla quale parte­ci­pa l’asses­sore alla Cul­tura, Alessan­dra Fontana, e da alcu­ni mem­bri del­l’as­so­ci­azione Ami­ci del­la Fon­dazione. Dopo i salu­ti del pres­i­dente del­la Fon­dazione, Ange­lo Rampinel­li Rota, e del vice Luciano Faverzani, alle 17 sul tema «I doveri e i piac­eri del­la let­tura dei lib­ri» inter­ver­rà il pres­i­dente di palaz­zo Gras­si a Venezia Cesare Anni­bal­di. Oltre alla pre­mi­azione del con­cor­so ded­i­ca­to a Can­di­da Fer­rari­ni, pres­i­dente del­la Casa di riposo di Lona­to, mor­ta nel 2000, il pro­gram­ma del pomerig­gio prevede il tradizionale con­fer­i­men­to di un pre­mio alle migliori tesi di lau­rea su un argo­men­to bres­ciano o bena­cense, parte­ci­pan­ti al con­cor­so indet­to per volon­tà del sen­a­tore Ugo Da Como. Al con­cor­so han­no parte­ci­pa­to 12 stu­den­ti rap­p­re­sen­tan­ti dei mag­giori atenei di Bres­cia, , Venezia, Verona, Par­ma e Roma, che si sono pre­sen­tati con elab­o­rati sug­li argo­men­ti più dis­parati ma tut­ti bres­ciani. Oggi pomerig­gio ver­rà con­seg­na­ta anche la bor­sa di stu­dio isti­tui­ta, per il ter­zo anno con­sec­u­ti­vo, in memo­ria di un noto medico lonatese, Gian­fran­co Papa. Il pre­mio viene asseg­na­to a uno o più stu­den­ti del­l’I­tis di Lona­to, che si sono dis­tin­ti per par­ti­co­lari mer­i­ti sco­las­ti­ci.