Nel centro storico apre uno spazio dedicato ai più piccoli con vista su una villa romana

L’oratorio dei piccoli dedicato a Giovanni Paolo II

16/10/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
n.a.

Oggi alle ore 17.30, nel cen­tro stori­co di Sirmione, ver­rà inau­gu­ra­to il pic­co­lo ora­to­rio, che avrà, posizion­a­to nel­la sua parte più alta, un affres­co raf­fig­u­rante papa Gio­van­ni Pao­lo II. «Abbi­amo volu­to creare — spie­ga don Eveli­no, par­ro­co del cen­tro stori­co sirmionese — uno spazio all’interno del­la casa canon­i­ca da met­tere a dis­po­sizione dei più pic­coli. Sul pic­co­lo ora­to­rio veg­lierà il suo pro­tet­tore il Grande Papa Gio­van­ni Pao­lo II». L’oratorio sarà cos­ti­tu­ito da tre stanze del­la casa canon­i­ca, da un cor­tile con annes­so il garage che ospiterà i servizi igien­i­ci (di cui uno per i dis­abili) e dal­lo spazio occu­pa­to dal sito arche­o­logi­co. I bam­bi­ni che fre­quenter­an­no l’oratorio del cen­tro stori­co sirmionese avran­no la rara oppor­tu­nità di pot­er ammi­rare i resti arche­o­logi­ci di una , prob­a­bil­mente risalente al ter­zo sec­o­lo d.c., por­tati alla luce qualche anno fa dall’archeologo Ange­lo Ghi­rol­di, coa­d­i­u­va­to dai suoi col­lab­o­ra­tori e sot­to l’efficace direzione del­la dot­tores­sa Elis­a­bet­ta Rof­fia. I resti sono davvero ben con­ser­vati ed il modo intel­li­gente con cui sono sta­ti recu­perati ha con­sen­ti­to sia la fruibil­ità dei locali che la pos­si­bil­ità di ammi­rar­li. I bam­bi­ni potran­no svol­gere le attiv­ità clas­siche dell’oratorio aven­do sot­to i pro­pri pie­di, pro­tet­to da un las­tra traspar­ente, il pavi­men­to infe­ri­ore dell’ambiente ter­male riscalda­to di una vil­la con qua­si duemi­la anni di sto­ria alle spalle. «Devo ringraziare — pros­egue don Eveli­no — Il Min­is­tero dei Beni Arche­o­logi­ci per aver finanzi­a­to lo sca­vo e la per aver reso vis­itabile la sala, ma anche i vici­ni res­i­den­ti ed eser­centi che liber­eran­no il cor­tile dalle auto ( anche se ver­rà con­sen­ti­to l’ingresso la mat­ti­na per il cari­co-scari­co mer­ci). Vor­rei ringraziare inoltre Gui­do Grumel­li per aver real­iz­za­to l’affresco che rap­p­re­sen­ta il pro­tet­tore cui è affida­to l’oratorio ed un ulte­ri­ore gra­zie va a tut­ti col­oro che col­la­bor­eran­no per il suo buon fun­zion­a­men­to». Il pro­gram­ma dell’inaugurazione prevede l’introduzione del par­ro­co, il taglio del nas­tro da parte del­la sig­no­ra Gisel­la Righet­ti Roc­co, la pre­sen­za dell’autore dell’affresco del Pro­tet­tore dell’oratorio, la visi­ta ai locali ed il rin­fres­co inau­gu­rale a cui è invi­ta­ta tut­ta la cittadinanza.

Parole chiave: