L’Orchestra Sinfonica di Milano torna al Vittoriale degli Italiani con “Omaggio a Morricone e Piazzolla”

11/07/2022 in Concerti
Di Redazione

Dopo la felice col­lab­o­razione dell’Estate 2021, che ha vis­to l’Orches­tra Sin­fon­i­ca di Milano esi­bir­si in un doppio appun­ta­men­to negli scenografi­ci spazi del , le due isti­tuzioni cul­tur­ali lom­barde si ritrovano con grande piacere per ripetere l’esperienza in questo luglio. L’Orchestra Sin­fon­i­ca di rib­adisce così la sua vic­i­nan­za al ter­ri­to­rio, e il pro­fon­do deside­rio di sin­er­gia con i pro­tag­o­nisti del­la cul­tura del­la regione.

Dopo gli appun­ta­men­ti di ven­erdì 1° luglio (“Beethoven al Vit­to­ri­ale”) e di mer­coledì 6 luglio (“Le sta­gioni del Mon­do”), l’Orches­tra Sin­fon­i­ca di Milano con­clude il suo trit­ti­co di appun­ta­men­ti in trasfer­ta al Vit­to­ri­ale, per un luglio all’insegna del­la musi­ca sin­fon­i­ca en plein air in un luo­go-sim­bo­lo ric­co di sto­ria, forte­mente volu­to da Gabriele d’An­nun­zio (e ideato insieme all’architetto Gian Car­lo Maroni a par­tire dal 1921), sulle rive del Lago di Gar­da. Mer­coledì 13 luglio alle ore 21 è l’ora di un Omag­gio a Mor­ri­cone e Piaz­zol­la, con un pro­gram­ma che l’Orchestra Sin­fon­i­ca di diret­ta dal M° Mau­r­izio Bil­li, insieme alla voce di Fed­er­i­ca Balu­cani, il Sas­so­fono di Ste­fano di Bat­tista. Con la pre­sen­tazione di Ele­na Cervi­g­ni e i testi di Emilio Fasoli­no.

Il mio rap­por­to con il mae­stro Mor­ri­cone è sta­to un dono e un priv­i­le­gio uni­co che ha arric­chi­to il mio lavoro, trasmet­ten­do­mi un sen­so di uman­ità e umiltà che sem­pre si dovreb­bero avere in ques­ta pro­fes­sione. Quel sen­so di uman­ità che ha reso pos­si­bile la sua vic­i­nan­za a me e alla polizia di Sta­to, mostra­ta in più occa­sioni anche nel­la sua vita piena di impeg­ni. Un uomo e un musicista che ha las­ci­a­to un pat­ri­mo­nio immen­so in cui la sto­ria non solo musi­cale tro­verà sem­pre un rifer­i­men­to impre­scindibile.” Paro­la del Mae­stro Mau­r­izio Bil­li, che tes­ti­mo­nia così la vic­i­nan­za umana e pro­fes­sion­ale col grande com­pos­i­tore, deter­mi­nante rispet­to al diventare indub­bi­a­mente un pun­to di rifer­i­men­to per l’interpretazione delle musiche del Pre­mio Oscar. Ed è così che il Mae­stro Bil­li, Diret­tore del­la Ban­da musi­cale del­la Polizia di Sta­to, ha ordi­to un pro­gram­ma estrema­mente inter­es­sante, che intrec­cia la pro­duzione di Mor­ri­cone con quel­la di Astor Piaz­zol­la, di cui saran­no pro­poste le immor­tali Obliv­ion, Lib­er­tan­go e Adiòs Non­i­no.

Dal­la mer­av­igliosa My Heart and I (nell’arrangiamento di Mau­r­izio Bil­li stes­so), alla colon­na sono­ra del film La Calif­fa (arran­gia­ta da Enri­co Blat­ti), splen­di­do film del 1964 con Romy Schnei­der e Ugo Tog­nazzi ambi­en­ta­to nel­la Par­ma degli anni Ses­san­ta, diret­to da Alber­to Bevilac­qua. Cap­ola­vori che abbi­amo ascolta­to nelle ver­sioni can­tate da Amii Stew­art o Dulce Pontes, altre due gran­di inter­preti del­la musi­ca del Maestro.

Com­ple­tano il pro­gram­ma due spe­ciali “rac­colte”. La pri­ma inti­to­la­ta Cel­e­brat­ing Mor­ri­cone, arran­gia­ta da Rober­to Grana­ta, che rias­sume in sé gli indi­men­ti­ca­bili temi trat­ti da Gli intoc­ca­bili, Nuo­vo Cin­e­ma Par­adiso, Mar­co Polo, e La Leggen­da del Pianista sull’Oceano. La sec­on­da, inti­to­la­ta Omag­gio a Mor­ri­cone, arran­gia­ta da Rober­to Grana­ta e Mau­r­izio Bil­li stes­so, in cui richi­amo le melodie di C’era una vol­ta il West, Saha­ran Dream, e Mis­sion.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti