Presto sarà chiusa per lavori la sede del centro storico: stop di cinque mesi Per una sede provvisoria c’è l’ipotesi dell’ex macello comunale

L’ufficio postale è tutto da rifare

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Desenzano del Garda

Un uffi­cio postale per Desen­zano è fran­ca­mente poco. Vero è che Riv­oltel­la e San Mar­ti­no ne han­no uno ma chi, prove­niente dai quartieri per­iferi­ci, deve rag­giun­gere Bor­go Regio in cen­tro stori­co, dove come si dice­va si tro­va l’u­ni­co sportel­lo postale, deve sudare le sette prover­biali cam­i­cie per trovare poi un pos­to auto. E allo­ra le , su espres­sa indi­cazione del­l’am­min­is­trazione comu­nale, starebbe accarez­zan­do la deci­sione di aprire un sec­on­do uffi­cio postale a Desen­zano, oltre, ripeti­amo, a quel­li esisten­ti di via Cro­ci­fis­so (davan­ti alla ), di Riv­oltel­la e S. Mar­ti­no. Non solo. Ma quel­lo di Bor­go Regio sarà inter­es­sato da impor­tan­ti e notevoli lavori di ristrut­turazione. per cui resterà chiu­so per quat­tro o cinque mesi. Ovvi­a­mente, la soci­età postale ne aprirà, provvi­so­ri­a­mente, uno nuo­vo in un pre­fab­bri­ca­to che sarà col­lo­ca­to prob­a­bil­mente nel­la zona del­l’ex macel­lo in via Mez­zo­colle o in un’al­tra zona. La scelta defin­i­ti­va ver­rà comu­ni­ca­ta tra breve tem­po dal Comune diret­ta­mente alle Poste. L’in­ter­ven­to pre­vis­to e già finanzi­a­to dal­la soci­età, prevede un rilan­cio del vec­chio uffi­cio di via Cro­ci­fis­so, con l’en­tra­ta in fun­zione del servizio di ban­co­mat e di altri servizi postali, con salette di accoglien­za per l’uten­za. Un prog­et­to che, stan­do alle prime impres­sioni del sin­da­co Fioren­zo Pien­az­za, si pre­sen­terebbe «davvero inter­es­sante e meritev­ole di atten­zione». Ma, come si dice­va, il prob­le­ma non è tan­to quel­lo di rilan­cia­re l’im­mag­ine del­la sede di Bor­go Regio, quan­to quel­lo di dotare il capolu­o­go di un altro spazioso sportel­lo. Con i suoi 26 mila abi­tan­ti, che diven­tano oltre 50 mila durante la sta­gione tur­is­ti­ca, quel­lo di via Cro­ci­fis­so, com­pres­so in un vico­lo sen­za alcun pos­to auto davan­ti, non èpiù in gra­do di fornire un adegua­to servizio alla cit­tad­i­nan­za. Tan­to che molti desen­zane­si, per evitare le code o i dis­a­gi di reperire un parcheg­gio, si vedono costret­ti a riv­ol­ger­si all’uf­fi­cio di Riv­oltel­la. L’uf­fi­cio del cen­tro stori­co, quin­di, non ver­rà affat­to ridi­men­sion­a­to o, peg­gio, chiu­so. Anzi. Gli anziani, i molti oper­a­tori tur­is­ti­ci e com­mer­ciali, gli stes­si tur­isti potran­no con­tin­uare infat­ti a servirsene tra alcu­ni mesi in nuovi e deco­rosi locali. I diri­gen­ti postali che ieri han­no incon­tra­to gli ammin­is­tra­tori comu­nali han­no, comunque, ascolta­to con molto inter­esse le loro richi­este, con­clu­den­do il col­lo­quio con una incor­ag­giante pre­sa d’at­to. L’e­si­gen­za di aprire un altro sportel­lo, insom­ma, è sta­ta anno­ta­ta. In quale zona? Presto per dir­lo, comunque la zona ovest del­la cit­tad­i­na è quel­la più scop­er­ta. Quin­di, potrebbe essere local­iz­za­to tra via Mez­zo­colle e il popoloso quartiere del­la Vic­i­na, dove risiedono ormai migli­a­ia di per­sone e dove sono pre­visti altri nuovi inse­di­a­men­ti abitativi.

Parole chiave: -