E' l'argomento di queste ultime settimane e lo sarà ancora dal 19 febbraio. Luna Rossa tira parecchio anche in riva al Carda, terra di albergatori e di velisti.

Luna Rossa incanta anche il Garda

09/02/2000 in Sport
Di Luca Delpozzo

E’ l’ar­go­men­to di queste ultime set­ti­mane e lo sarà anco­ra dal 19 feb­braio. Luna Rossa tira parec­chio anche in riva al Car­da, ter­ra di alber­ga­tori e di velisti, ma mai come in questi giorni, però, era accadu­to di sen­tir par­lare con ter­mi­nolo­gia fino a ieri sconosciute. “Stra­orza­ta”, “caz­za la ran­da”, “boli­na” sono parole frasi entrate ormai nei dis­cor­si di tut­ti i giorni, al bar come a scuo­la, sul pos­to di lavoro come in stra­da. Per gli occhi arrossati del giorno dopo si dovrà atten­dere anco­ra una deci­na di giorni, ma c’è da scom­met­ter­ci che per la finalis­si­ma del­la Cop­pa Amer­i­ca gli spet­ta­tori tele­vi­sivi super­eran­no il record di 3 mil­ioni, quel­lo fat­to seg­nare saba­to scor­so. Tra i cir­coli veli­ci del Bas­so Sar­ca qual­cuno si è già orga­niz­za­to per la Louis Vuit­ton Cup, per il tes­ta a tes­ta tra De Ange­lis e Cayard, men­tre altri vedono cosa si può fare per la sfi­da con i neoze­landesi. In riva al Gar­da la vela è molto sen­ti­ta, ancor più quan­do tra i pro­tag­o­nisti ci sono due “lacus­tri” come Cic­cio Celon e Car­lo Bonet­ti, ma ce ne pote­va essere un ter­zo, tut­to trenti­no. Sul­la bar­ca di Pra­da dove­va esser­ci anche l’olimpi­oni­co Gian­ni Tor­boli ma “… la paga offer­ta, di cir­ca tre mil­ioni al mese, era trop­po bas­sa. Mi sarebbe piaci­u­to, tan­tis­si­mo, ma non se n’è fat­to nul­la. Conosco bene tut­ti ed in modo par­ti­co­lare Cic­cio Celon, con il quale ho parte­ci­pa­to alle Olimpia­di di Atlanta, e Tor­ben Grael, un uomo sem­pre disponi­bile con tut­ti. La nos­tra avven­tu­ra con il Sol­ing non è sta­ta delle più esaltan­ti, ma lui rimane comunque un grande velista, una delle pedine fon­da­men­tali di Luna Rossa. Se poi si rius­cisse a portare la Cop­pa Amer­i­ca in Italia sarebbe davvero il mas­si­mo, ma bat­tere i neoze­landesi non sarà facile. Loro han­no una bar­ca più grande, con un albero meno alto, quin­di in caso di ven­to forte, oltre i ven­ti nodi, sono favoriti. Incro­ci­amo le dita”.Anche Bruno Bal­lar­di­ni, ex pres­i­dente del­la Fraglia Vela Riva ed attuale sin­da­co di Rovere­to, è tra gli appas­sion­ati che ha segui­to in tv le vicende di Luna Rossa. “Per la ver­ità, in molte occa­sioni ho del­e­ga­to mio figlio a seguire le regate, vista l’o- ra, ma al di la di questo riten­go che questo suc­ces­so sia davvero incred­i­bile quan­to impor­tante. Per la ver­ità ho già sen­ti­to qual­cuno che si è lamen­ta­to del fat­to che la vela abbia fat­to un po’ d’om­bra agli altri sport, ma se non si cav­al­ca un momen­to come questo .… Del­l’e­quipag­gio sono molto ami­co di Celon, vis­to che ha fat­to parte del nos­tro equipag­gio che ha parte­ci­pa­to alle Olimpia­di, e riten­go che sia un ragaz­zo modesto ed un vero atle­ta. Ricor­do anche Cayard, che abbi­amo bat­tuto alla grande, che era sta­to da noi in Fraglia, riem­pi­en­do poi la sala mille del Pala­con­gres­si, dopo aver gareg­gia­to con il Moro nel­la finale del­la Cop­pa Amer­i­ca”. I suc­ces­si del­la bar­ca ital­iana di fat­to pos­sono rap­p­re­sentare un otti­mo volano per la vela nazionale e garde­sana. Ne sono con­vin­ti i pres­i­den­ti dei vari cir­coli locali che stan­no già met­ten­do in moto i loro con­tat­ti per ospitare al più presto i protagonisti.“C’è tan­to inter­esse — ha spie­ga­to Amos Vacon­dio, pres­i­dente del­la Fraglia Vela Riva — e questo fa bene alla vela. Nelle ultime tre prove, pres­so la nos­tra sede si sono dati appun­ta­men­to molti appas­sion­ati, un centi­naio, e questo fa bene anche al cir­co­lo. Cosa cam­bia? Forse aumen­ta la voglia di fare vela, la gente si avvicin­erà con mag­giori inter­es­si, i cir­coli aumenter­an­no i loro soci, ma le dif­fi­coltà di pri­ma rimar­ran­no. La Cop­pa Amer­i­ca va per­ché c’è la tv che la rende uno spet­ta­co­lo fruibile alla mas­sa e per­ché c’è una bar­ca ital­iana. Ma non è sem­pre così. La vela in mare viene segui­ta da poche per­sone, non si è mica in uno sta­dio, e se si vuole la tele­vi­sione bisogna spendere parec­chi sol­di. La for­mu­la del Match race aiu­ta, ma ci vogliono anche i luoghi adat­ti, come il nos­tro Gar­da o il lago di Ledro, nelle acque di quest’ul­ti­mo orga­nizzer­e­mo un’im­por­tante rega­ta al femminile”.Anche Fran­co San­toni, pres­i­dente del Cir­co­lo Vela Tor­bole, è già pron­to ad invitare l’e­quipag­gio di Luna Rossa. “Mio figlio Sil­vio e molto ami­co di Grael, che da noi ha vin­to l’Eu­ropeo del ’96, e sti­amo veden­do di invitare l’in­tero equipag­gio per una grande fes­ta”.

Maurizio Zambarda

Commenti

commenti