E' l'argomento di queste ultime settimane e lo sarà ancora dal 19 febbraio. Luna Rossa tira parecchio anche in riva al Carda, terra di albergatori e di velisti.

Luna Rossa incanta anche il Garda

09/02/2000 in Sport
Di Luca Delpozzo

E’ l’argomento di queste ultime settimane e lo sarà ancora dal 19 febbraio. Luna Rossa tira parecchio anche in riva al Carda, terra di albergatori e di velisti, ma mai come in questi giorni, però, era accaduto di sentir parlare con terminologia fino a ieri sconosciute. “Straorzata”, “cazza la randa”, “bolina” sono parole frasi entrate ormai nei discorsi di tutti i giorni, al bar come a scuola, sul posto di lavoro come in strada. Per gli occhi arrossati del giorno dopo si dovrà attendere ancora una decina di giorni, ma c’è da scommetterci che per la finalissima della Coppa America gli spettatori televisivi supereranno il record di 3 milioni, quello fatto segnare sabato scorso. Tra i circoli velici del Basso Sarca qualcuno si è già organizzato per la Louis Vuitton Cup, per il testa a testa tra De Angelis e Cayard, mentre altri vedono cosa si può fare per la sfida con i neozelandesi. In riva al Garda la vela è molto sentita, ancor più quando tra i protagonisti ci sono due “lacustri” come Ciccio Celon e Carlo Bonetti, ma ce ne poteva essere un terzo, tutto trentino. Sulla barca di Prada doveva esserci anche l’olimpionico Gianni Torboli ma “… la paga offerta, di circa tre milioni al mese, era troppo bassa. Mi sarebbe piaciuto, tantissimo, ma non se n’è fatto nulla. Conosco bene tutti ed in modo particolare Ciccio Celon, con il quale ho partecipato alle Olimpiadi di Atlanta, e Torben Grael, un uomo sempre disponibile con tutti. La nostra avventura con il Soling non è stata delle più esaltanti, ma lui rimane comunque un grande velista, una delle pedine fondamentali di Luna Rossa. Se poi si riuscisse a portare la Coppa America in Italia sarebbe davvero il massimo, ma battere i neozelandesi non sarà facile. Loro hanno una barca più grande, con un albero meno alto, quindi in caso di vento forte, oltre i venti nodi, sono favoriti. Incrociamo le dita”.Anche Bruno Ballardini, ex presidente della Fraglia Vela Riva ed attuale sindaco di Rovereto, è tra gli appassionati che ha seguito in tv le vicende di Luna Rossa. “Per la verità, in molte occasioni ho delegato mio figlio a seguire le regate, vista l’o- ra, ma al di la di questo ritengo che questo successo sia davvero incredibile quanto importante. Per la verità ho già sentito qualcuno che si è lamentato del fatto che la vela abbia fatto un po’ d’ombra agli altri sport, ma se non si cavalca un momento come questo …. Dell’equipaggio sono molto amico di Celon, visto che ha fatto parte del nostro equipaggio che ha partecipato alle Olimpiadi, e ritengo che sia un ragazzo modesto ed un vero atleta. Ricordo anche Cayard, che abbiamo battuto alla grande, che era stato da noi in Fraglia, riempiendo poi la sala mille del Palacongressi, dopo aver gareggiato con il Moro nella finale della Coppa America”. I successi della barca italiana di fatto possono rappresentare un ottimo volano per la vela nazionale e gardesana. Ne sono convinti i presidenti dei vari circoli locali che stanno già mettendo in moto i loro contatti per ospitare al più presto i protagonisti.”C’è tanto interesse – ha spiegato Amos Vacondio, presidente della Fraglia Vela Riva – e questo fa bene alla vela. Nelle ultime tre prove, presso la nostra sede si sono dati appuntamento molti appassionati, un centinaio, e questo fa bene anche al circolo. Cosa cambia? Forse aumenta la voglia di fare vela, la gente si avvicinerà con maggiori interessi, i circoli aumenteranno i loro soci, ma le difficoltà di prima rimarranno. La Coppa America va perché c’è la tv che la rende uno spettacolo fruibile alla massa e perché c’è una barca italiana. Ma non è sempre così. La vela in mare viene seguita da poche persone, non si è mica in uno stadio, e se si vuole la televisione bisogna spendere parecchi soldi. La formula del Match race aiuta, ma ci vogliono anche i luoghi adatti, come il nostro Garda o il lago di Ledro, nelle acque di quest’ultimo organizzeremo un’importante regata al femminile”.Anche Franco Santoni, presidente del Circolo Vela Torbole, è già pronto ad invitare l’equipaggio di Luna Rossa. “Mio figlio Silvio e molto amico di Grael, che da noi ha vinto l’Europeo del ’96, e stiamo vedendo di invitare l’intero equipaggio per una grande festa”.

Maurizio Zambarda

Commenti

commenti