Nel mirino gli orrori della Grande Guerra

L’urlo di «Miserere»

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
s.j.

È appro­da­ta in riva al lago, nel­la sala del­la Palazz­i­na stor­i­ca, la mostra di Georges Rouault, il mag­gior pit­tore di arte sacra del nos­tro sec­o­lo. Il «Mis­erere», cinquan­tot­to tav­ole incise con l’acquatinta e altre tec­niche, è un ciclo ter­mi­na­to nel 1928 ma edi­to solo vent’anni più tar­di. Rap­p­re­sen­ta una sorte di gri­do dis­per­a­to dell’uomo nei con­fron­ti dell’immane e inutile trage­dia del­la Grande Guer­ra, un invi­to a non ripetere più gli orrori per­pre­tati in quegli anni bui e dram­mati­ci. «Una mostra dif­fi­cile, di duro impat­to», ha pre­cisato ieri mat­ti­na durante l’inaugurazione del­la rasseg­na la cura­trice Patrizia Nuz­zo. Georges Rouault era un artista molto cre­dente, dis­ce­po­lo di Gus­tave More­au e ami­co del filoso­fo Jacques Mar­i­tain. «Nelle sue inci­sioni», ha ricorda­to il criti­co d’arte Mau­ro Cor­ra­di­ni, «c’è atten­zione più all’essere che apparire. Non descrive la bellez­za ma rap­p­re­sen­ta la vita con immag­i­ni crude». «L’Amministrazione comu­nale», ha ripreso Nuz­zo, «ha avu­to davvero cor­ag­gio ad appog­gia­re ques­ta mostra che rimar­rà aper­ta fino al 31 gen­naio con orario dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Il 25, 26, 27 dicem­bre e 6 gen­naio dalle ore 15 alle 19, chiu­so il lunedì». «Ci è sem­bra­to il modo deg­no per con­clud­ere l’anno giu­bi­lare», ha chiosato l’assessore alla cul­tura Wal­ter Mon­tre­sor. «Da parte nos­tra c’è sta­to un notev­ole sfor­zo eco­nom­i­co non comunque suf­fi­ciente da solo a sup­port­are l’intero cos­to del­la rasseg­na (cir­ca ses­san­ta mil­ioni, ndr). Deter­mi­nante è sta­to l’apporto dell’azienda Franke (rap­p­re­sen­ta­ta ieri da Ennio Felicetti) e il patrocinio del­la Provin­cia di Verona». Chiam­a­to in causa il pres­i­dente Alear­do Mer­lin ha rib­a­di­to l’interesse che l’ente scaligero ha per man­i­fes­tazioni di tale spes­sore. «Da alcu­ni anni la Provin­cia con­tribuisce in maniera diret­ta e pesante a varie inizia­tive cul­tur­ali cer­can­do di pro­mozionare mostre anche al di fuori del con­fi­ni del­la cit­tà». La rasseg­na è sostenu­ta anche da Artantide.com e dal­la gal­le­ria Bellinzona di .

Parole chiave: