La nuova società, appena diventata operativa, sta mettendo a punto una serie di iniziative. Non si escludono alleanze. Idroelettrico: recupero di una vecchia centrale. Adsl: si parte dalle aziende

Manerba, ora si investe sul futuro

05/02/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Elena Cerqui

Ener­gia e tele­co­mu­ni­cazioni sono fra le final­ità prin­ci­pali di Maner­ba Inves­ti­men­ti, la nuo­va soci­età del Comune recen­te­mente inau­gu­ra­ta con sede in via Gassman pres­so il Cro­ciale, e che per real­iz­zare i suoi pro­gram­mi è anche dis­pos­ta a col­lab­o­razioni con altre aziende sim­ili sul ter­ri­to­rio. Il pri­mo aspet­to pre­so in con­sid­er­azione da Maner­ba Inves­ti­men­ti è il risparmio ener­geti­co, che gra­zie all’energia idroelet­tri­ca e al foto­voltaico prevede di provvedere in cir­ca tre anni all’intero fab­bisog­no comu­nale. Già quest’anno si coprirà il 30% dei 3,5 mil­ioni di Kw/h di bisog­no ann­uo. Sarà recu­per­a­ta una vec­chia cen­trale idroelet­tri­ca e ne ver­ran­no acquisite altre sfrut­tan­do le poten­zial­ità del ter­ri­to­rio per un totale di 100 Kw. Inoltre il gestore del­la rete elet­tri­ca nazionale ha approva­to il finanzi­a­men­to per la real­iz­zazione di impianti foto­voltaici nel­la zona indus­tri­ale di Maner­ba per 3000 metri qua­drati che pro­dur­ran­no 350 Kw. Sem­pre nell’ottica del con­teni­men­to dei con­su­mi, è sta­to approva­to recen­te­mente in regione un prog­et­to per una pisci­na cop­er­ta a Maner­ba, che prevede l’utilizzo di una pom­pa geot­er­mi­ca com­bi­na­ta con un impianto solare ter­mi­co e foto­voltaico. Un mix inno­v­a­ti­vo che garan­tisce bassi costi di ges­tione. La nuo­va soci­età manerbese risolverebbe anche il prob­le­ma delle tele­co­mu­ni­cazioni in Valte­n­e­si, dove anco­ra oggi man­ca la con­nes­sione Adsl nelle case. Maner­ba Inves­ti­men­ti, sfrut­tan­do la tec­nolo­gia di inter­con­nes­sione sen­za fili wire­less medi­ante la fibra otti­ca, ha già col­le­ga­to le sedi comu­nali dei sette comu­ni del­la Valte­n­e­si, ed ora si pro­pone di dare una con­nes­sione veloce anche alle aziende del­la zona, e non, che lo richieder­an­no. Le tar­iffe pro­poste sono molte: da con­trat­ti per­son­al dai 30 ai 60 euro men­sili, fino a più com­p­lessi con­trat­ti Lan dai 180 ai 420 euro men­sili che per­me­t­tono anche la video­con­feren­za. Ma non solo. Il prossi­mo pas­so sarà il col­lega­men­to a ban­da larga per i pri­vati, inizian­do nelle zone già soggette alla cop­er­tu­ra, fino ad un’espansione ter­ri­to­ri­ale cap­il­lare in Valte­n­e­si ed al suc­ces­si­vo prog­et­to per servizi di tele­fo­nia, sen­za la neces­sità di cam­biare numero tele­fon­i­co. Per chi volesse mag­giori infor­mazioni può vis­itare il sito www.manerbainvestimenti.it Il ter­zo aspet­to riguar­da lo svilup­po del tur­is­mo in Valte­n­e­si lun­go tut­to l’arco dell’anno, gra­zie alla creazione di un sis­tema parchi a Maner­ba, in una zona, come quel­la del gar­da bres­ciano, in cui sono assen­ti. Si parte dal par­co del­la Roc­ca e del Sas­so, riconosci­u­to come par­co locale di inter­esse sovra­co­mu­nale, che si estende su un’area di 950 mila metri qua­drati, e nel­la cui som­mità ver­rà real­iz­za­to un cen­tro muse­ale. Nel cen­tro ver­ran­no uti­liz­zate anche le nuove tec­nolo­gie, come la visi­ta vir­tuale degli antichi inse­di­a­men­ti. Inoltre sarà real­iz­za­to un par­co tec­no­logi­co nel­la zona dell’ex cava, in local­ità Cam­pag­no­la. Si trat­ta di una strut­tura ded­i­ca­ta alle energie rin­nov­abili, che sarà un lab­o­ra­to­rio di stu­dio per ricer­ca­tori, ma anche vis­itabile da vari tipi di pub­bli­co, dalle sco­laresche fino ad oper­a­tori di set­tore, con scopo didat­ti­co, ma anche di divertimento.