Stasera conferenza

Margherita Hack racconta i segreti dell’astronomia

23/08/2002 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Gardone Riviera

Ques­ta sera, ore 21, sul lun­go­la­go di Gar­done, Margheri­ta Hack pre­sen­terà il suo libro «Sto­ria del­l’as­trono­mia», edi­to da Altana. In caso di mal­tem­po, l’in­con­tro si ter­rà nel­la sala Churchill del­l’Ho­tel Savoy Palace. La Hack, 80 anni com­piu­ti lo scor­so 12 giug­no, è con­sid­er­a­ta una delle men­ti più bril­lan­ti del­la comu­nità sci­en­tifi­ca ital­iana. Pri­ma don­na a dirigere un osser­va­to­rio astro­nom­i­co, ha svolto un’im­por­tante attiv­ità di divul­gazione. Lau­re­atasi nel ’45 a Firen­ze, iniz­iò come assis­tente all’Osser­va­to­rio di Arcetri. Dal ’48 al ’51 inseg­nò astrono­mia come assis­tente, poi entrò in ruo­lo. Nel ’54 ottenne la lib­era docen­za e, sot­to la spin­ta del mar­i­to, iniz­iò l’at­tiv­ità di divul­ga­trice sci­en­tifi­ca. Si trasferì all’Osser­va­to­rio di Mer­ate, pres­so Lec­co. Nel­lo stes­so peri­o­do tene­va cor­si di astrofisi­ca e di radioas­trono­mia a , col­lab­o­ran­do con numerose straniere: Berke­ley (Cal­i­for­nia, Usa), Prince­ton (New Jer­sey), Utrecht e Gronin­gen (Olan­da), Pari­gi, Cit­tà del Mes­si­co, Ankara. Nel ’64 divenne pro­fes­sore ordi­nario, otte­nen­do la cat­te­dra di astrono­mia pres­so l’Is­ti­tu­to di Fisi­ca teor­i­ca del­l’U­ni­ver­sità di Tri­este. E, come tale, ebbe l’in­car­i­co di dirigere l’Osser­va­to­rio astro­nom­i­co. La sua ges­tione, dura­ta fino all’87, riv­i­tal­iz­zò un’is­ti­tuzione che era l’ul­ti­ma in Italia per stru­men­tazione sci­en­tifi­ca, numero di dipen­den­ti e di ricer­ca­tori. Le sue ricerche han­no toc­ca­to diver­si set­tori. Ha stu­di­a­to le atmos­fere delle stelle e gli effet­ti osserv­abili del­la loro evoluzione, dan­do un impor­tante con­trib­u­to alla clas­si­fi­cazione spet­trale delle stelle. Numerosi i volu­mi pub­bli­cati. Il trat­ta­to «Stel­lar Spet­troscopy», scrit­to a Berke­ley, nel ’59, con Otto Struve, è con­sid­er­a­to anco­ra oggi un testo fon­da­men­tale. Stra­or­di­nar­ia divul­ga­trice, ha col­lab­o­ra­to a numerosi gior­nali e peri­od­i­ci spe­cial­iz­za­ti. Nel ’78 ha fonda­to la riv­ista «L’As­trono­mia», che dirige tut­to­ra. Nel 1980 ha rice­vu­to il pre­mio Accad­e­mia dei Lin­cei e nel 1987 il pre­mio Cul­tura del­la Pres­i­den­za dei Con­siglio. E’ mem­bro del­l’Ac­cad­e­mia dei Lin­cei, del­l’U­nione Inter­nazionale Astrono­mi e del­la Roy­al Astro­nom­i­cal Soci­ety. Dirige il Cirac di Trieste.

Parole chiave: -