Domenica 12 giugno cala il sipario su “Parole sull’acqua 2011” con un doppio appuntamento. Chiude la rassegna il giornalista Mario Giordano, con Sanguisughe.

Maria Venturi, autrice televisiva e scrittrice, presenta Come prima.

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Domeni­ca 12 giug­no pres­so la Piaz­za del Por­to di Bar­dolino, un doppio appun­ta­men­to chi­ude la man­i­fes­tazione “Parole sull’acqua 2011”, orga­niz­za­ta dal Comune di Bar­dolino – Asses­so­ra­to alla Cul­tura in col­lab­o­razione con la Fon­dazione “” e Fon­dazione . Pro­tag­o­nista del pri­mo incon­tro alle ore 11.30 è Maria Ven­turi, scrit­trice e autrice tele­vi­si­va nota per la sua capac­ità di par­lare al cuore di ogni don­na, che pre­sen­ta il suo ulti­mo roman­zo Come pri­ma (Riz­zoli 2011). Abile a calare i temi con­tem­po­ranei in uno sce­nario di sen­ti­men­ti for­ti, la scrit­trice ci rac­con­ta la sto­ria di un amore vero, sen­za tem­po. Può nascere in un istante, non bas­ta una vita a speg­n­er­lo.  Alle ore 18,30 l’appuntamento è con lo scrit­tore e gior­nal­ista Mario Gior­dano, diret­tore di News Medi­aset ed edi­to­ri­al­ista de Il Gior­nale, che pre­sen­ta il suo ulti­mo libro-inchi­es­ta San­guisug­he (Mon­dadori 2011). Pen­sioni d’oro, ovvero san­guisug­he che ci prosci­ugano le tasche. Questo è il pun­to di parten­za di un viag­gio negli scan­dali, negli ingan­ni e negli abusi del­la prev­i­den­za ital­iana: un buco nero che gra­va sulle spalle dei con­tribuen­ti e che mette a ris­chio il loro futuro.

Parole chiave: -