Mara Isolani in mostra a Lazise

22/07/2016 in Mostre
Parole chiave: -
Di Sergio Bazerla

Fig­ure” è il tito­lo del­la mostra per­son­ale di pit­tura di Mara Isolani che apre i bat­ten­ti ven­er­di  22 luglio pres­so la ex , sul por­to vec­chio. La mostra rimane aper­ta fino al 28 luglio, con ingres­so libero , dalle 10 alle 12 di tut­ti i giorni.

Fig­ure, per­chè sono pro­prio le ” fig­ure”, soprat­tut­to delle per­sone, le pen­nel­late di Mara Isolani che pone in visione. Tur­isti a grup­pi, frotte, col­oratis­si­mi, fras­tor­nati, fras­tor­nati, dis­trat­ti, alcu­ni ridot­ti a forme dorate, come impronte d’uo­mo, o fig­ure viste in con­troluce e per questo indis­tin­guibili, forme tra le forme. Anche la tec­ni­ca pit­tor­i­ca pro­pone degli ele­men­ti inno­v­a­tivi: col­ori ad olio, inser­ti materi­ci di mal­ta e sab­bia, lamine dorate.

Ogni opera per Mara Isolani è una espe­rien­za cre­ati­va uni­ca che si for­ma pri­ma nel­lo sguar­do, nei pen­sieri e nelle emozioni, ed è quin­di mate­ria viva. Ed è pro­prio l’oro che delin­ea, spal­ma, ed evi­den­zia il sogget­to stes­so del­la tela.

I suoi per­son­ag­gi ” vivono” nel­l’im­me­di­atez­za, sem­bra­no di fat­to immag­ine attualis­sime appe­na scat­tate. Han­no un’an­i­ma ognuno.

Non da meno le sue opere rap­p­re­sen­ta­tive del­la bellez­za delle forme e dei col­ori nel­l’au­to e moto d’e­poca. Dal­la Fiat Rossa alla Balil­la, al rif­lesso del­la stes­sa.

Con­sidero le mie opere ‑affer­ma Isolani ‑ter­mi­nate, con­cluse, solo dopo che il fruitore ha gen­er­a­to la pro­pria inter­pre­tazione, ma poichè il numero dei fruitori è teori­ca­mente infini­to, le mie opere non sono mai ter­mi­nate, ma con­tin­u­ano ad evolver­si nel tem­po.”

La pit­trice sonese ha fre­quen­ta­to l’Ac­cad­e­mia Cig­naroli di Verona, ed è lau­re­a­ta in Sto­ria del­l’Arte pres­so l’ di Verona.

Ha al suo atti­vo parec­chie mostre a liv­el­lo nazionale, ma soprat­tut­to ha parte­ci­pa­to ad appun­ta­men­ti inter­nazion­ali ad Inns­bruck, Lussem­bur­go, Filadelfia, a Bar­cel­lona , a mal­ta ed a Sal­is­bur­go.

Ser­gio Baz­er­la

 

Parole chiave: -