Martiri del 28 giugno: il 71° anniversario

Di Redazione

Si è svol­ta domeni­ca 28 giun­go, come da tradizione in modo con­giun­to da parte dei Comu­ni di Arco, Riva del Gar­da e Nago-Tor­bole, la cer­i­mo­nia di com­mem­o­razione dei Mar­tiri del 28 giug­no. Anco­ra una vol­ta la memo­ria è sta­ta ripor­ta­ta ai tragi­ci fat­ti del 1944, quan­do alcune decine di mil­i­tari delle SS, eseguirono una spi­eta­ta azione repres­si­va: tra Riva del Gar­da, Arco, Nago e Tor­bole furono arrestate decine di per­sone e 11 di loro ven­nero uccise. La memo­ria di quelle gio­vani vite spez­zate, degli ide­ali per cui com­bat­terono e del­la vio­len­za inau­di­ta che si abbat­tè su di loro e sulle cit­tà del­l’Al­to Gar­da è sem­pre vivo nelle comu­nità, che anche quest’an­no ne ha cel­e­bra­to solen­nemente il ricor­do.

La gior­na­ta di com­mem­o­razioni è inizia­ta alle 8 del mat­ti­no a Riva del Gar­da con i tradizion­ali rin­toc­chi del­la Ren­ga, la torre civi­ca cit­tad­i­na, che per cinque minu­ti ha ricorda­to i Mar­tiri del 28 giug­no. Era­no pre­sen­ti il sin­da­co Adal­ber­to Mosan­er e una rap­p­re­sen­tan­za del­la Giun­ta munic­i­pale e del Con­siglio comu­nale, oltre alla vice seg­re­taria gen­erale Anna Cat­toi e all’ex sin­da­co Clau­dio Moli­nari. Inoltre c’era una rap­p­re­sen­tan­za delle forze dell’ordine e del­la asso­ci­azioni com­bat­ten­tis­tiche e d’arma, ed era­no pre­sen­ti, come ogni anno, alcu­ni ex par­ti­giani e par­en­ti, oltre a varie Sezioni del­l’As­so­ci­azione Nazionale Par­ti­giani d’I­talia, con i pres­i­den­ti San­dro Schmid (Trenti­no) e Gianan­to­nio Pfleger (Alto Gar­da). Come tradizione, ai rin­toc­chi del­la torre civi­ca ha fat­to sègui­to la depo­sizione delle coro­ne di alloro alla stele nel par­co del­la Lib­ertà e alle tom­ba dei Mar­tiri al cimitero del Grez.

La cer­i­mo­nia con­giun­ta è inizia­ta, alle ore 17.30 nel­la log­gia pre­to­ria, con la depo­sizione di una coro­na di alloro alla lapi­de che ricor­da i Mar­tiri del­la Lib­ertà, alla pre­sen­za delle autorità – tra cui i sin­daci di Arco Alessan­dro Bet­ta, di Riva del Gar­da Adal­ber­to Mosan­er e di Nago-Tor­bole Gian­ni Moran­di. Quin­di il cor­teo ha attra­ver­sato piaz­za Tre Novem­bre e ha per­cor­so via Gaz­zo­let­ti per rag­giun­gere il cor­tile inter­no del­la Roc­ca, dove s’è tenu­to il dis­cor­so del sin­da­co ospi­tante. Adal­ber­to Mosan­er ha ricorda­to la figu­ra di Gior­gio Tosi ( par­ti­giano recen­te­mente scom­par­so), e riper­cor­so i fat­ti tragi­ci del giug­no 1944, unen­doli in una tra­ma di con­ti­nu­ità con altri com­bat­ti­men­ti del­la Resisten­za, in par­ti­co­lare con gli scon­tri a fuo­co del­l’aprile del 1945 e con la cele­bre battaglia di via del­la Mon­ta­nara (dal­l’an­no scor­so ricor­da­ta da una tar­ga).

È sta­ta poi scop­er­ta e pre­sen­ta­ta una nuo­va tar­ga in memo­ria del par­ti­giano Francesco “Fran­co” Ger­ar­di, che sarà prossi­ma­mente pos­ta in un luo­go del­la cit­tà, con rel­a­ti­va, solenne cer­i­mo­nia. Poi i ricor­di di Gior­gio Tosi dal­la voce di Rena­to Bal­lar­di­ni, già com­bat­tente del­la Resisten­za, di San­dro Schmid, e di Giuseppe Fer­ran­di, diret­tore del­la Fon­dazione Museo stori­co del Trenti­no.

A seguire s’è tenu­ta la pre­sen­tazione del nuo­vo vol­ume «Gui­do Gori, Mem­o­rie di un buacciò­lo», a cura di Graziano Ric­cadon­na , con inter­ven­to del cura­tore, la tes­ti­mo­ni­an­za di Ita­la Marchi e le let­ture di Pao­lo Tonel­li. S’è svol­ta poi la visi­ta gui­da­ta alla mostra per­ma­nente «Achtung Ban­diten! La Resisten­za nel Bas­so Sar­ca 1943–1945», allesti­ta nel­la Sezione di sto­ria del MAG (Museo Alto Gar­da) che per l’oc­ca­sione è sta­to ad ingres­so libero.

La gior­na­ta di com­mem­o­razione si è con­clusa con la proiezione del film “Zum Tode. A morte!”, a cura di ANPI Alto Gar­da, real­iz­za­to nell’ambito del «Prog­et­to Memo­ria per il Trenti­no» pro­mosso dal­la Provin­cia autono­ma di Tren­to e trat­to dal­l’omon­i­mo libro di Gior­gio Tosi (pro­duzione: Provin­cia autono­ma di Tren­to, Museo Stori­co in Tren­to, KR Movie) diret­to da Katia Bernar­di, con tes­ti­mo­ni­anze di Luciano Baroni, Gior­gio Tosi, Suor Cecil­ia (Romana Impera), Rena­to Bal­lar­di­ni, Mile­na Chin­car­i­ni, Attilio Tanas, Fer­di­nan­do Tonon, Arnal­do Zanel­la, Tul­lio Bertol­di, San­dro Canestri­ni, Vio­la Man­ci, Clau­dio Odor­izzi, e Giulio Poli.