Presentazione sabato 19 ottobre nella sala Pelèr di Palazzo Todeschini a Desenzano.

Masuchine. Il nuovo libro di poesie del Rigù

16/10/2013 in Libri
Parole chiave:
Di Redazione

Esce un nuo­vo il libro di poe­sie dialet­tali del nos­tro col­lab­o­ra­tore Alber­to Rigo­ni, meglio noto come Rigù.

Si trat­ta del­la quar­ta rac­col­ta che l’autore ha inti­to­la­to “Masu­chine” parag­o­nan­dole alle poe­sie, del resto le masu­chine (che sono i “cro­cus” sia spon­tanei che colti­vati), crescono col­orate a pun­teggia­re i prati come le poe­sie crescono a viv­i­fi­care momen­ti di vita assieme alla let­ter­atu­ra.

La doppia pre­fazione di Mario Arduino e di Tul­lio Fer­ro arric­chisce il vol­ume. La pub­bli­cazione ha ottenu­to il patrocinio del Comune di Desen­zano del Gar­da e ver­rà pre­sen­ta­ta il pomerig­gio del saba­to 19 otto­bre 2013 nel­la Sala Péler di Palaz­zo Tode­s­chi­ni, al Por­to Vec­chio, in una iniziat­i­ca comu­nale vol­ta a val­oriz­zare il dialet­to.

All’autore abbi­amo chiesto una prim­izia e ci ha manda­to pro­prio la che dà il val­ore al libro “Masu­chine”.

Masu­chine

Fina­mai föra d’i sass,

co n’ de n’aria de fes­ta,

enframès a le prede,

le masu­chine i è riade

a fass vardà zö de la fines­tra.

 

Con d’i sò öcc celèscc,

le döcia i segn de spun­side

de ‘n temp stràa­cat

a cor­er drè a le oltade,

en del ser­cà ‘n casaide,

giös­ta de trà ‘n sa d’i momencc

na pol­sa­da al cor­er sen­sa vardà.

 

I è che a  cun­su­la i dè,

pri­ma che ‘l tapè de la nev,

n del embiancà le con­trade,

le sconde sura le giur­nade

el me e ‘l tò fris­sus das de fa.

 

Föra de le prede del nà,

n del nà drè al vent

en mess a la zent,

le se lasa catà i culùr

e mitìi lé giù a giù

en ban­da a i fiùr passìcc

dei dé ora­mai pas­sacc

sul de sèn­ter, vià d’i pen­sér,

el saùr del temp, de catà

sö ‘n sen­tér de là d’i pass.

 

Di segui­to la traduzione di Masu­chine   (Cro­cus)

Perfi­no fuori dai sassi/ con un’aria di festa,/ fra le pietre,/i crochi sono arrivati,/ a far­si guardare giù dal­la fines­tra.

Con i loro occhi celesti/ adoc­chi­ano i seg­ni di punture/ di un tem­po rivoltato/ a cor­rere dietro alle svolte/ nel cer­care un cacciavite/ da trarre in qua dei momenti/ solo per dare un riposo/ al cor­rere sen­za guardare./

Sono qui a con­so­lare i giorni/ pri­ma che il tap­peto del­la neve/nell’imbiancare le contrade/ nascon­da, sopra le giornate,/ il mio e il tuo fret­toloso dar­si da fare.

Fuori dalle pietre dell’andare,/ nell’andare dietro al vento/in mez­zo alla gente,/ si las­ciano rac­cogliere i colori/ e met­ter­li lì uno ad uno/ in parte ai fiori appassiti/ dei giorni ormai passati/ solo per sen­tire, via dai pensieri,/ il sapore del tem­po  da raccogliere/ su un sen­tiero al di là dai pas­si.

Parole chiave: