Desenzano: sollecitazione di Polloni

Messa di suffragio per le vittime in Usa e aiuti ai profughi

Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Uno stanzi­a­men­to a favore di un’as­so­ci­azione di volon­tari­a­to per aiutare i profughi afgani e per la cel­e­brazione di una mes­sa di com­mem­o­razione dei mor­ti di New York dell’11 set­tem­bre scor­so: la richi­es­ta è sta­ta fat­ta dal con­sigliere Rino Pol­loni al pres­i­dente del Con­siglio comu­nale di Desen­zano, Maria Ida Ger­mon­tani. Tra l’al­tro la richi­es­ta potrebbe essere dis­cus­sa già domani sera, in aula in occa­sione del­la sedu­ta con­sil­iare. Pol­loni chiede un inter­ven­to stra­or­di­nario del Comune di Desen­zano a sosteg­no dei profughi afgani in fuga, da offrire a una asso­ci­azione che in quelle zone sta operan­do. E, per quan­to riguar­da la com­mem­o­razione dei defun­ti amer­i­cani rimasti sepolti dal crol­lo delle due tor­ri, Pol­loni chiede la cel­e­brazione di una mes­sa in suf­fra­gio da ten­er­si il 2 novem­bre nel Duo­mo cit­tadi­no, «alla pre­sen­za even­tual­mente di tut­ti i dipen­den­ti comu­nali». Un invi­to che ver­rebbe este­so all’in­tera popo­lazione. Ma domani sera l’am­bi­ente politi­co di palaz­zo Bagat­ta rischia di sur­riscal­dar­si anco­ra una vol­ta a causa del­la richi­es­ta del­la Giun­ta di con­cedere all’Is­ti­tu­to Alberghiero, per il suo ampli­a­men­to, l’area oggi adibi­ta ad edu­cazione fisi­ca e attiv­ità ricre­ative all’aper­to da parte del­la scuo­la media «Cat­ul­lo», nel cui sta­bile è sta­to accolto anni fa l’Al­berghiero. La polem­i­ca, già fini­ta sulle pagine del nos­tro gior­nale, è sta­ta soll­e­va­ta dal comi­ta­to gen­i­tori che vedono ques­ta con­ces­sone come una «sot­trazione di verde alle attiv­ità delle sco­laresche». Addirit­tura, da indis­crezioni deg­ne di fede, sem­br­erebbe che il con­siglio d’is­ti­tu­to del­la «Cat­ul­lo», chiam­a­to a dare un parere in mer­i­to, avrebbe espres­so un chiaro no. A questo pun­to, però, sarà molto dif­fi­cile che l’area in ques­tione ven­ga trat­tenu­ta dal­la scuo­la media. L’Al­berghiero, com’è noto, ha la neces­sità di nuovi locali e le sue aule scop­pi­ano per effet­to del­la stra­or­di­nar­ia cresci­ta di iscrizioni. Una polem­i­ca, comunque, des­ti­na­ta a rin­fo­co­lar­si nelle prossime set­ti­mane. Per­chè gli abi­tan­ti, le famiglie degli stu­den­ti del­la «Cat­ul­lo», il comi­ta­to gen­i­tori e le oppo­sizioni non ci stan­no a perdere.