Una giornata di spiritualità

Messa e fiaccolata davanti all’ospedale

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Desenzano del Garda

L’Ospedale di Desen­zano vivrà, domani 22 set­tem­bre, gra­zie a padre Lui­gi Piset­ta, una gior­na­ta di inten­sa spir­i­tu­al­ità con una mes­sa (alle 19.30) cel­e­bra­ta da don Emilio, par­ro­co alle Fontanelle di Mon­tichiari; seguirà una pro­ces­sione attorno al noso­comio. «Vuole essere un momen­to di devozione e rac­cogli­men­to alla ricer­ca del mes­sag­gio di Gesù — spie­ga padre Lui­gi, il cap­pel­lano del più impor­tante ospedale del bas­so Gar­da — per­ché ci arrivi l’aiuto sper­a­to, la salute, e tan­to con­for­to per tut­ti. Vogliamo anche quest’anno ricor­dare il 23 set­tem­bre 1988, giorno nel quale la stat­ua del­la Madon­na venne col­lo­ca­ta nell’oasi mar­i­ana desen­zanese». La mes­sa sarà accom­pa­g­na­ta dal coro Voci Bianche di For­nace (Tn). Dopo la fun­zione si snoderà la fiac­co­la­ta fino alla stat­ua, luo­go di devozione per molti malati. Padre Lui­gi è da sem­pre in pri­ma lin­ea nel portare loro sosteg­no insieme con i volon­tari che oper­a­no all’ospedale, l’Unitarsi di (una asso­ci­azione che orga­niz­za viag­gi del­la sper­an­za a Lour­des). Pri­ma di arrivare a Desen­zano, il reli­gioso ha svolto la sua mis­sione per oltre 20 anni all’Ospedale Sac­co di Milano e pri­ma anco­ra a Vien­na. «Voglio ringraziare l’Amministrazione, il per­son­ale, medici e para­medici, tut­ti quel­li che si prodigano per­ché questo tem­pio — spie­ga Piset­ta — fun­zioni conc­re­ta­mente, dan­do sosteg­no a chi soffre».

Parole chiave: