-

Migliorare il turismo sul Garda

24/11/2002 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Lazise

Il tur­is­mo è sem­pre più carat­ter­iz­za­to dal­la con­tin­ua vari­azione delle con­dizioni di mer­ca­to; da un lato i vis­i­ta­tori del Gar­da sono più diver­si­fi­cati ed esi­gen­ti, dall’altro è aumen­ta­to il numero di des­ti­nazioni tur­is­tiche e la loro com­pet­i­tiv­ità in ter­mi­ni di prez­zo e di qual­ità. In questo nuo­vo ambi­ente com­pet­i­ti­vo, il bas­so lago, gra­zie alle innu­merevoli risorse ambi­en­tali, enogas­tro­nomiche, cul­tur­ali e sportive, può esprimere tut­to il poten­ziale tur­is­ti­co di cui dispone e garan­tire una attrat­tiv­ità costan­te­mente com­pet­i­ti­va. Per gestire questo sce­nario occorre, però, rea­gire tem­pes­ti­va­mente alle nuove sfide, rispon­den­do a diver­si inter­rog­a­tivi, ovvero quali sono le nuove oppor­tu­nità, quali sono le con­dizioni per gestir­le meglio e come sod­dis­fare queste con­dizioni nel ter­ri­to­rio bena­cense. A questi que­si­ti rispon­der­an­no i rela­tori mart­edì 26 alle ore 21 pres­so la sala civi­ca nel­la ex comu­nale, con una tavola roton­da su «l’osservatorio tur­is­ti­co del Gar­da-». Dopo la pre­sen­tazione da parte del vice sin­da­co di Lazise Flavio Tom­masi­ni si altern­er­an­no Emanuele Gal­lizioli e Ste­fano Tagli­a­fer­ri, rispet­ti­va­mente tourism man­age­ment ed asses­sore al tur­is­mo di . Lazise è l’ultima tap­pa di una serie itin­er­ante di appun­ta­men­ti analoghi svoltisi in varie local­ità del com­pren­so­rio, di fat­to una pros­e­cuzione di argo­men­ti trat­tati e seg­nalati nel cor­so del con­veg­no «Cen­to cose da fare per il Gar­da» volu­to e stig­ma­tiz­za­to dal dep­u­ta­to Aldo Branch­er nel­la scor­sa primavera.

Parole chiave: -