Viaggio inaugurale con i nuovi treni di ultima generazione

Milano-Brescia-Verona: da domani in servizio due nuovi Vivalto

10/06/2017 in Attualità
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Entr­eran­no in servizio domani, domeni­ca 11 giug­no, in con­comi­tan­za con il cam­bio orario esti­vo, i due nuovi treni ‘Vival­to’ inau­gu­rati oggi dal­l’asses­sore regionale alle Infra­strut­ture e Mobili­ta’, Alessan­dro Sorte, che li ha ‘tes­ta­ti’ con un breve viag­gio fra Romano di Lom­bar­dia (BG) e la Stazione cen­trale di Milano.

SVOLTA SULLA MILANO-BRESCIA-VERONA -

I Vival­to fan­no parte di una nuo­va flot­ta che andra’ a servire, in entrambe le direzioni, le corse con piu’ viag­gia­tori sul­la lin­ea Milano-Bres­cia-Verona.
In questo modo, 12 corse fino ad oggi effet­tuate con car­rozze ‘media dis­tan­za’ saran­no effet­tuate con i nuovi Vival­to di ultimis­si­ma gen­er­azione.
Altre 8 saran­no effet­tuate con treni Cora­dia in doppia com­po­sizione (ETR425 da 5 casse + ETR 526 da 6 casse) che garan­tis­cono un totale di 550 posti a sedere (54 posti offer­ti in piu’ per ogni cor­sa rispet­to ad oggi). Altre 2 corse (RE Milano-Bres­cia, ver­ran­no effet­tuate con Cora­dia ETR526. Per il restante servizio, 12 corse saran­no fat­te con 8 car­rozze media dis­tan­za MD (con 612 posti offer­ti, di cui 60 in pri­ma classe) e 2 treni RE Milano — Bres­cia da 6 car­rozze doppio piano (892 posti a dis­po­sizione).

INVESTIMENTO DA 70 MILIONI DI EURO -

Con quel­li di oggi — ha det­to Sorte — abbi­amo con­seg­na­to gli ulti­mi due treni di un pac­chet­to da 8 Vival­to, (4 sul­la Berg­amo e Man­to­va e 4 sulle linee di Pavia) che abbi­amo finanzi­a­to con un inves­ti­men­to di 70 mil­ioni di euro”.

CONFERMATO IL PRESIDIO DELLE GUARDIE GIURATE -

L’asses­sore ha anche con­fer­ma­to che il pre­sidio delle guardie giu­rate armate “va avan­ti”, vis­to che, anche negli ulti­mi giorni, si sono ver­ifi­cate situ­azioni spi­acevoli.

1527 PERSONE NON FATTE SALIRE O ALLONTANATE DALL’1/6 -

Dal­l’inizio del mese — ha con­tin­u­a­to Sorte — 1.527 per­sone non han­no rego­lar­iz­za­to la pro­pria posizione e quin­di o sono state fat­te scen­dere dal treno o non sono state fat­te salire. Di questo servizio, dunque, c’e’ un grande bisog­no”.

IMPORTANTE RISPOSTE DALLE AMMINISTRAZIONI DELLA BERGAMASCA -
L’asses­sore Sorte e’ arriva­to in Stazione cen­trale accom­pa­g­na­to da una venti­na di ammin­is­tra­tori (sin­daci e asses­sori) di altret­tan­ti comu­ni del­la bas­sa berga­m­as­ca. “E’ una rispostaim­por­tante — ha det­to — che il ter­ri­to­rio offre davan­ti a un altro atto con­cre­to del­la ”.

PIANO STRAORDINARIO DI PULIZIE -

L’asses­sore ha anche annun­ci­a­to che pro­prio lune­di’ prossi­mo 12 giug­no entr­era’ in servizio anche un servizio stra­or­di­nario di pulizie a bor­do durante il giorno. “Sti­amo facen­do vera­mente di tut­to — ha sot­to­lin­eato — per pot­er offrire treni sem­pre in con­dizioni deco­rose ad un’uten­za che con­tin­ua a crescere”.

TRENO IMBRATTATO -

Ai gior­nal­isti che gli han­no fat­to notare che pro­prio ques­ta notte e’ sta­to imbrat­ta­to uno dei due nuovi treni, Sorte ha assi­cu­ra­to che “entro la sera di oggi” sara’
com­ple­ta­mente rip­uli­to gra­zie alle nuove tec­nolo­gie che con­sentono di inter­venire in tem­pi rapidis­si­mi. “Solo per togliere i graf­fi­ti — ha sot­to­lin­eato —  spendi­amo 1 mil­ione di euro all’an­no. E questo non va bene”.

I NUOVI VIVALTO -

Il Vival­to e’ com­pos­to da 6 car­rozze doppio piano cli­ma­tiz­zate real­iz­zate da Ansal­do­Bre­da, mosse da una loco­mo­ti­va E464 Bom­bardier. Il treno e’ acces­si­bile alle per­sone con dis­abili­ta’, anche sen­za l’as­sis­ten­za di mezzi in stazione, ed e’ dota­to di 684 posti a sedere (72 posti in piu’ rispet­to alle com­po­sizione media dis­tan­za uti­liz­zate fino ad oggi), di cui 90 di pri­ma classe (30 posti in piu’), con pog­giat­es­ta, brac­ci­oli, tavoli­ni rib­alta­bili, prese elet­triche da 220 volt. La car­roz­za semi­pi­lota ospi­ta un’area mul­ti­fun­zionale pre­dis­pos­ta per il trasporto di sci, bici­clette, bagagli e pic­coli col­li e la toi­lette attrez­za­ta per l’u­ti­liz­zo da parte dei passeg­geri a ridot­ta mobili­ta’. La veloci­ta’ mas­si­ma e’ 160 km/h. La tec­nolo­gia di bor­do per­me­tte un’at­ten­ta inte­grazione di tut­ti i sis­te­mi di infor­mazione (annun­ci sonori, mon­i­tor e seg­nalet­i­ca), mappe tat­tili nelle toi­lette e pul­santiere in “Braille” per i passeg­geri non veden­ti, mon­i­tor a cristal­li liq­ui­di per ogni vet­tura, un sis­tema di videosorveg­lian­za e un pul­sante di allarme dota­to di cito­fono per comu­ni­care con il per­son­ale di bor­do.

I NUOVI CORADIA -

Il nuo­vo treno Cora­dia Merid­i­an di sec­on­da gen­er­azione (il mod­el­lo prece­dente svolge il servizio aero­por­tuale per Malpen­sa) si carat­ter­iz­za per ampiez­za e
spaziosi­ta’ degli interni e per alles­ti­men­ti speci­fi­ci per il trasporto regionale. Prog­et­ta­to sec­on­do nuovi stan­dard di com­fort, sicurez­za e acces­si­bili­ta’, il Cora­dia puo’ viag­gia­re a una veloci­ta’ mas­si­ma di 160 km orari. Molti i servizi a bor­do: cli­ma­tiz­zazione, impianto di videosorveg­lian­za, scher­mi lumi­nosi interni per le infor­mazioni di viag­gio, impianto di dif­fu­sione sono­ra per gli annun­ci, scritte in braille, prese di cor­rente a 220V per l’al­i­men­tazione di cel­lu­lari e PC por­tatili, ampio portaba­gagli. L’in­gres­so a raso con il mar­ci­apiede facili­ta l’in­gres­so dei passeg­geri, men­tre le pedane retrat­tili, instal­late su ogni por­ta, per­me­t­tono un acces­so agev­ole anche ai passeg­geri a ridot­ta capaci­ta’ moto­ria.

Parole chiave: