Affollata assemblea sul centro in costruzione: un centinaio di negozi in più, 500 nuovi occupati. L’assessore Leonardi ai commercianti: «Tavolo di consultazione»

Monitorati i Campagnoli

14/12/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Un tavo­lo di con­sul­tazione col Comune ed un comi­ta­to sul cen­tro com­mer­ciale dei Cam­pag­no­li a Lona­to. Queste le due pro­poste dell’assessore al Com­mer­cio Valenti­no Leonar­di, fat­te davan­ti all’assemblea di oper­a­tori del set­tore, arti­giani, eser­centi, che almeno in 200 han­no affol­la­to il salone delle feste del ris­torante Rus­tichel­lo. Un incon­tro volu­to dall’amministrazione comu­nale per cer­care di tessere il non facile rap­por­to tra com­mer­cio tradizionale e grande dis­tribuzione. Tema più che mai d’attualità, vis­to che da poche set­ti­mane sono iniziati i lavori di costruzione, da parte del­la soci­età Cedro 99, di un’altra cit­tadel­la del com­mer­cio. Bas­ta scen­dere dal­la Spia d’Italia, lun­go la via del Tira­col­lo, e si pos­sono notare gli ampi scavi che si allargano su una super­fi­cie di qua­si 300 mila metri qua­drati. «Il com­mer­cio, com­p­lessi­va­mente con­sid­er­a­to, è pre­sente a Lona­to — ha spie­ga­to l’assessore Leonar­di — con cir­ca 400 imp­rese e mille addet­ti. Il 40% delle unità locali ed il 20% degli occu­pati. Sono dati che da cir­ca un decen­nio sono piut­tosto sta­bili, ma che han­no avu­to negli anni Ottan­ta e Novan­ta un con­sis­tente svilup­po. È quin­di nat­u­rale che l’obbiettivo dell’amministrazione comu­nale sia quel­lo di tute­lare questo pat­ri­mo­nio e val­oriz­zar­lo». Il Comune, pur aven­do rag­giun­to i 14 mila abi­tan­ti, pre­sen­ta del resto infra­strut­ture vec­chie e prob­le­mi piut­tosto mar­cati, quali la via­bil­ità di attra­ver­sa­men­to e l’accessibilità al cen­tro stori­co. Da qui nasce la pri­ma idea lan­ci­a­ta dall’assessore Leonar­di: un tavo­lo di con­sul­tazione per­ma­nente, per­ché ques­tioni impor­tan­ti come il Prg, il traf­fi­co, il recu­pero urbano, la pro­mozione cul­tur­ale e tur­is­ti­ca vengano val­u­tate e «si ricerchi­no le modal­ità di impat­to otti­mali e di parte­ci­pazione dei com­mer­cianti». Sec­on­do l’ultimo cen­si­men­to, il com­mer­cio al det­taglio lonatese è pre­sente con 196 negozi, di cui 25 del set­tore ali­menta­re. Sono 15 attiv­ità in più rispet­to al 2000 e 35 in più rispet­to a 10 anni fa. C’è sta­ta una forte diver­si­fi­cazione: i negozi ali­men­ta­ri sono pas­sati dai 60 degli anni ’90 agli attuali 35; anche l’abbigliamento ha reg­is­tra­to una con­trazione, men­tre sono apparse nuove tipolo­gie. Si aprono ora gli inter­rog­a­tivi sul cen­tro com­mer­ciale dei Cam­pag­no­li che dovrebbe aprire nel­la pri­mav­era del 2007. «Ad essere mag­gior­mente col­pi­ti dovreb­bero essere — ha aggiun­to Leonar­di — i cen­tri di Desen­zano, Cas­tiglione e Mon­tichiari. È inoltre prob­a­bile che in ques­ta strut­tura con­ver­ga quel­la per­centuale di spe­sa che le famiglie di Lona­to ind­i­riz­zano ver­so altri Comu­ni. Nel Comune di Lona­to avre­mo comunque 100 negozi in più e cir­ca 500 nuovi occu­pati. Chieder­e­mo alla pro­pri­età di garan­tire un’ aut­en­ti­ca pri­or­ità per i com­mer­cianti del paese che inten­dano trasferir­si in ques­ta gal­le­ria…». Il comi­ta­to tra ammin­is­trazione comu­nale, Cen­tro Cam­pag­no­li e com­mer­cianti avrebbe il com­pi­to dunque di mon­i­torare l’evoluzione del com­mer­cio a segui­to del nuo­vo inse­di­a­men­to e val­utare even­tu­ali mis­ure di mit­igazione. L’assessore regionale Fran­co Nicoli Cris­tiani, in un lun­go e det­taglia­to inter­ven­to, ha espos­to i futuri ind­i­rizzi region­ali del­la grande dis­tribuzione, non più inte­sa come «sem­plice strut­tura di ven­di­ta, ma vero e pro­prio par­co com­mer­ciale in gra­do di fare intrat­ten­i­men­to» e sul­la neces­sità di trovare un equi­lib­rio sug­li orari di aper­tu­ra nei pae­si tur­is­ti­ci e non. L’assessore alla via­bil­ità, Rober­to Vanaria, ha trac­cia­to lo stu­dio in cor­so sul cen­tro stori­co. Mario Pace, pres­i­dente dell’Ascom, ha ricorda­to l’impegno del­la cat­e­go­ria e Ger­mano Sig­urtà ha offer­to, nel­la qual­ità di pres­i­dente, un assag­gio del­la Fiera che si ter­rà a gen­naio, rasseg­na che seg­n­erà fra l’altro un ritorno alle radi­ci del mon­do agri­co­lo. Al ter­mine del­la ser­a­ta, il sin­da­co ha con­seg­na­to un attes­ta­to di riconosci­men­to a tut­ti i com­mer­cianti che da oltre 20 anni eserci­tano la pro­pria attiv­ità sul ter­ri­to­rio lonatese.

Parole chiave: