Mostra “del grande sogno ovvero dell’Unità d’Italia”

Di Luca Delpozzo

L’Assessorato alla Cul­tura, a con­clu­sione delle cel­e­brazioni dei 150 anni dell’unità nazionale orga­niz­za la mostra “L’Italia Uni­ta” che pre­sen­terà il lavoro di Giuseppe Nodari, pit­tore. Ver­ran­no esposti a Cas­tiglione delle Stiviere gli schizzi e i dis­eg­ni da lui real­iz­za­ti durante le battaglie di Solferi­no e San Mar­ti­no del 1859 e la spedi­zione dei Mille a Marsala, nonché gli acquerel­li che rac­col­go­no le tes­ti­mo­ni­anze imme­di­ate degli avven­i­men­ti in una esat­ta ricostruzione degli even­ti, come un mod­er­no “invi­a­to di guer­ra”. Giuseppe Nodari nacque a Cas­tiglione delle Stiviere il 25 gen­naio 1841 da una famiglia di nobiltà locale.  Di lui si con­ser­va a Cas­tiglione un acquerel­lo, espos­to per la pri­ma vol­ta in ques­ta mostra, che raf­figu­ra la cam­pagna di Solferi­no, la madre di tutte le battaglie, nel­la quale nac­quero l’embrione d’Italia e del­la Croce Rossa.  Il prog­et­to sci­en­tifi­co del­la mostra è di Philippe Dav­e­rio, cele­bre criti­co d’arte. Nato nel 1949 in Alsazia, spe­cial­iz­za­to in arte ital­iana del XX sec­o­lo, ha ded­i­ca­to i suoi stu­di al rilan­cio inter­nazionale del Nove­cen­to. Con­sulente per la casa editrice Ski­ra, Philippe Dav­e­rio si è sem­pre defini­to uno stori­co dell’arte. Così infat­ti lo ha scop­er­to il pub­bli­co tele­vi­si­vo: dal 1999 in qual­ità di “invi­a­to spe­ciale” e con­dut­tore di varie trasmis­sioni Rai, ded­i­cate all’arte e alla cul­tura. Gli acquerel­li di Giuseppe Nodari sono sta­ti esposti nell’importante mostra “Garibal­di, mito e realtà” pres­so la Gal­le­ria d’Arte Mod­er­na S. Anna di Paler­mo nel mag­gio 2010 e nel­la grande mostra “I Mille di Garibal­di, quel­li che vollero inventare l’Italia” di Bologna a Palaz­zo Fava da luglio ad otto­bre 2011. La mostra si snoderà nelle sale di Palaz­zo Mengh­i­ni da anni sede espos­i­ti­va sita nel cen­tro del­la nos­tra cit­tad­i­na e pros­eguirà, al Museo Inter­nazionale di Croce Rossa, pos­to anch’esso nel cuore del­la nos­tra cit­tà a poca dis­tan­za da Palaz­zo Mengh­i­ni. È deside­rio infat­ti dell’Assessorato alla Cul­tura creare un col­lega­men­to con il Museo Inter­nazionale per sod­dis­fare in modo esaus­ti­vo l’interesse del vis­i­ta­tore sia del­la mostra che del­la nos­tra cit­tà.  

Commenti

commenti