Inizia oggi il tradizionale raduno «dell’Orso», che durerà tre giorni. La base nella conca di Novezza. In arrivo centauri da tutta Italia, dall’Austria e dalla Germania

Moto e rock a tutta birra

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Barbara Bertasi

Rock roboante e cen­tau­ri a tut­ta bir­ra, in quo­ta. Tor­na oggi il Motoraduno dell’Orso con moto-giro del Monte che, con la sua caram­bo­la di giochi, spet­ta­coli pic­can­ti, con­cer­ti di musi­ca coun­try, rock e blues, starà per tre giorni istal­la­to a Novez­za. Anche quest’anno chi ama l’alternativa «on the road», l’avventura su stra­da in sel­la a due ruote, con la pos­si­bil­ità di piantare una ten­da, ha scel­to ques­ta con­ca a quo­ta 1450 come cam­po base per il tradizionale Motoor­so, giun­to alla sua otta­va edi­zione. La tre giorni, che con­tin­ua domani e domeni­ca, è come sem­pre orga­niz­za­ta dal Moto club dell’Orso di Capri­no in col­lab­o­razione con i Comu­ni di Capri­no e Fer­rara di Monte Bal­do. Sarà quest’anno pre­sen­ta­ta da Joe Zampieri, diret­tore artis­ti­co di Verona Rock 2005, chiu­sosi nem­meno un mese fa a Delta­land e alla cui real­iz­zazione Jim­my Olivieri, pres­i­dente del moto club, ha parte­ci­pa­to. «Novez­za ha vis­to nascere ques­ta man­i­fes­tazione tur­is­ti­co-sporti­va nel 1998», spie­ga Jim­my Olivieri. «Erava­mo un grup­po di appas­sion­ati di viag­gio e di moto quan­do indi­vid­u­am­mo pro­prio qui sul Bal­do il pun­to ide­ale per far incon­trare ami­ci moto­ci­clisti di cul­ture, tradizioni e abi­tu­di­ni diverse desiderosi di stare insieme». E spie­ga: «Da otto anni ci si tro­va a Novez­za che è così diven­ta­ta famil­iare anche a tan­tis­si­mi moto­ci­clisti in arri­vo da tut­ta Italia e dal Nord Europa», spie­ga Olivieri, cer­to che al richi­amo dell’Orso rispon­der­an­no sem­pre in moltissi­mi. «Anche quest’anno ci aspet­ti­amo una mas­s­ic­cia parte­ci­pazione moto­ci­clisti di tedeschi e aus­triaci che già san­no di trovare qui buona cuci­na, bir­ra spe­ciale, lib­ertà di campeg­gia­re e buona musi­ca». Per questo det­taglio Jim­my Olivieri ha lavo­ra­to con Zampieri. «Olivieri ha dato un forte con­trib­u­to al suc­ces­so di Verona Rock, che ripeter­e­mo l’anno prossi­mo», fa notare Zampieri. «Del resto è sem­pre tra i pri­mi a ren­der­si disponi­bili se occorre dare una mano ad orga­niz­zare man­i­fes­tazioni, anche a Capri­no». Ora Zampieri ricam­bia il favore: «Al Verona Rock mi sono dovu­to improvvis­are pre­sen­ta­tore e mi pare sia anda­ta bene», ricor­da. «Adesso i ragazzi del Moto club dell’Orso mi han­no chiesto di pre­sentare i con­cer­ti inser­i­ti nel­la loro tre giorni e ho accetta­to». La fes­ta ha un pro­gram­ma ben delin­eato. Oggi alle 16 il Motoor­so inizia uffi­cial­mente. Aprono i chioschi, fun­ziona la cuci­na, c’è il Live music show girl’s, suo­nano in con­cer­to i «Cafè wha» e i «Blue Sun­day». Saba­to sem­pre alle 16, scat­ta il pri­mo Moto­giro sul Monte Bal­do, men­tre il sec­on­do è domeni­ca alle 11. «Saba­to si parte da Novez­za, si va al rifu­gio Graziani a San Valenti­no, si fa tap­pa a Boc­ca di Navene e si rien­tra», pre­cisa Olivieri. «Domeni­ca il giro è orga­niz­za­to nei din­torni di Fer­rara di Monte Bal­do con aper­i­ti­vo in cen­tro». Domani, dopo il Motoor­so, sono in pro­gram­ma giochi, musi­ca e Sexy show e, in con­cer­to, il coun­try di Luca Olivieri e Anchise Bolchi, il blues di «Gabriel Delta & hur­ri­canes» e il rock di «Duc­cio & the rag’s». Domeni­ca il rien­tro dal Moto­giro è pre­vis­to per le 13. «Poi si pranz­erà in com­pag­nia con la musi­ca dei Dirty maut fino al momen­to dei salu­ti», con­clude Olivieri Per infor­mazioni tele­fonare al 349.646.1865 oppure al 349.424 4303 o allo 045.724.1530, fax 045.620.6091; e mail motoorso@libero.it.

Parole chiave: