“Musica e natura a Desenzano” rassegna all’insegna di un raffinato relax

04/07/2015 in Cultura
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

“Musica e natura a Desenzano” è il titolo della rassegna estiva che propone appuntamenti musicali nei luoghi più suggestivi della città, molti dei quali con vista lago. Musica e natura sarà occasione di raffinato relax, all’alba o in orario serale, per cittadini e per gli ospiti che potranno godere di cinque intrattenimenti a partecipazione libera e gratuita.

Il primo concerto della rassegna organizzata dal Comune di Desenzano (Assessorato alla Cultura) è in programma domenica 5 luglio alle ore 6, al parco del laghetto in via Giotto, dove la giornata si aprirà sulle note del Concerto all’alba per pianoforte con il maestro Paolo Zanarella.

Le date successive sono: domenica 19 luglio alle 6 il parco di Villa Brunati ospiterà il secondo Concerto all’alba “Caffè 1930”, tributo ad Astor Piazzolla con brani eseguiti da violino, flauto, fisarmonica, chitarra e percussioni; venerdì 31 luglio completamente immersi nella natura dell’Oasi San Francesco si potrà ascoltare delle letture serali con tanto di attori accompagnati dal quartetto d’archi New Soul e da In/trigo Acoustic Trio; mentre il 23 agosto, sul ponte alla veneziana in pieno centro desenzanese, si terrà (sempre alle ore 6:00) l’ultimo Concerto all’alba: Sweet Evergreen Melodies, concerto che comprende brani classici per flauto e arpa.

L’ultimo evento in calendario sarà domenica 6 settembre e consiste in una sana camminata tra le vigne in collaborazione con la sezione desenanese del Club Alpino Italiano. Il ritrovo per i partecipanti sarà al parco della torre di San Martino della Battaglia alle 17.30.

Tutti gli appuntamenti sono a partecipazione gratuita, ma è consigliata la prenotazione per gli eventi del 31 luglio e del 6 settembre. Il programma completo e aggiornato degli eventi estivi del Comune di Desenzano del Garda è consultabile sul sito www.comune.desenzano.brescia.it e sulla pagina Facebook Città di Desenzano del Garda.

Commenti

commenti