Riprendono le iniziative volte a realizzare il percorso a Novezzina per disabili motori e non vedenti. Coro, orchestra e spettacolo a fine mese per raccogliere fondi

Musica per il sentiero per tutti

18/01/2005 in Attualità
Di Luca Delpozzo
(b.b.)

L’associazione cul­tur­ale Bald­ofes­ti­val con il nuo­vo anno si rim­boc­ca le maniche. Ha già sti­la­to un pro­gram­ma di mas­si­ma per rac­cogliere, come si è pro­pos­to l’anno scor­so, 25mila euro da devol­vere all’amministrazione comu­nale di Fer­rara di Monte Bal­do per real­iz­zare «Un sen­tiero per tut­ti». Il per­cor­so dovrà portare dall’Orto Botan­i­co di Novezzi­na fino a Mal­ga Gam­bon ed è sta­to stu­di­a­to per accogliere per­sone con varie dis­abil­ità. Lun­go cir­ca 1800 metri, potrà essere uti­liz­za­to sen­za prob­le­mi sia da per­sone con dis­abil­ità moto­rie, sia da non veden­ti gra­zie a una tabel­lazione ad hoc. L’iniziativa, che era sta­ta pro­mossa da Bald­ofes­ti­val quan­do anco­ra era un comi­ta­to pro­mo­tore, vede unite in un uni­co inten­to tante asso­ci­azioni per dis­abili, come Asso­ci­azione ital­iana scle­rosi mul­ti­pla (Aism), Asso­ci­azione nazionale famiglie e fan­ci­ul­li sub­nor­mali (), Asso­ci­azione nazionale muti­lati ed inva­li­di civili (Anmic), Asso­ci­azione inter­re­gionale dis­abil­ità moto­rie ospedale di Mal­ce­sine (Aidm), Ente nazionale sor­do­mu­ti (Ens), Grup­po ani­mazione lesion­ati midol­lari (Galm), Unione ital­iana lot­ta alla dis­trofia mus­co­lare (Uildm), Unione ital­iana ciechi (Uic) e ha il patrocinio dell’assessorato ai delle ammin­is­trazioni provin­ciali di Verona e di Man­to­va e del Sorop­ti­mist inter­na­tion­al d’Italia, club di Verona. Intan­to, sem­pre le asso­ci­azioni, con l’Anmic in pri­ma fila, con­tin­u­ano a muover­si con Bald­ofes­ti­val per arrivare a coronare questo sog­no. Per il 2005 Bal­dod­ofes­ti­val ha già mes­so in cantiere una serie di even­ti per sen­si­bi­liz­zare alla sol­i­da­ri­età e tre sono già in cal­en­dario: due ser­ate con orches­tra e coro in abbina­ta a fine mese e a Pasqua, e un remake del­la fes­ta Un sen­tiero per tut­ti a Novezzi­na, la terza domeni­ca di giug­no. Il pri­mo appun­ta­men­to è appun­to per saba­to 29 gen­naio. A Verona, al teatro par­roc­chiale di via Lussi­no, in Bor­go Roma, alle 21, si svol­gerà la pri­ma ser­a­ta musi­cale. «Si esi­birà la Big Band Rit­mo Sin­fon­i­ca del­la Cit­tà di Verona, che già quest’estate ci ha offer­to l’opportunità di assis­tere a un con­cer­to uni­co», ricor­da Gre­co, «per ascoltare “Jazz…in quo­ta” tan­tis­sime per­sone si era­no rac­colte all’arrivo del­la funi­via a Trat­to Spino di Mal­ce­sine». Ma il 29 non ci sarà sola­mente la Big Band: «Anche il Grup­po rit­mi­co corale Cho­rus di Caldiero ha accetta­to di aderire alla nos­tra richi­es­ta di esi­bir­si gra­tuita­mente». La ser­a­ta, con­dot­ta da Rober­to Rossin, non sarà solo musi­cale: «Sono pre­visti due spet­ta­coli, di cui però non vogliamo dire nul­la pro­prio per las­cia­re a chi ver­rà il gus­to del­la sor­pre­sa», sot­to­lin­ea Gre­co. Il 29 gen­naio sarà fat­to un pri­mo bilan­cio con­cre­to sull’iniziativa. «Per Un sen­tiero per tut­ti abbi­amo aper­to un con­to cor­rente alla cas­sa Rurale del­la Bas­sa Val­la­ga­ri­na (c/c n. 000024040182 Abi 08011 ? Cab 59330 ? Cin I) su cui sono state fat­te tante don­azioni da ammin­is­trazioni pub­bliche, come quel­la di Dol­cé, da impor­tan­ti aziende pri­vate, dall’associazione Ani­mc e da varie per­sone durante even­ti da noi orga­niz­za­ti nel cor­so di Bald­ofes­ti­val 2004. Il 29 gen­naio sarà reso noto l’elenco di chi ha con­tribuito». Il con­to res­ta aper­to per tut­to l’anno: «Ma intan­to si vedrà a che cifra siamo arrivati in questo pri­mo semes­tre». Un sec­on­do even­to sarà orga­niz­za­to ver­so Pasqua: «Si trat­terà anco­ra una vol­ta un con­cer­to di alto liv­el­lo, in un teatro nel­la zona del Bal­do Gar­da». Per trovare sosteg­no Bald­ofes­ti­val pun­ta sug­li oper­a­tori tur­is­ti­ci: «In pri­mav­era si riapre la sta­gione tur­is­ti­ca, con­ti­amo che alberghi e ris­toran­ti pos­sano divenire un pun­to di rifer­i­men­to per la pro­mozione del­la ser­a­ta ver­so i loro ospi­ti, si trat­terà anco­ra una vol­ta di una even­to musi­cale che abbin­erà un coro e un’orchestra». I con­tat­ti isti­tuzion­ali sono in cor­so: «Entro gen­naio ci rap­porter­e­mo con le ammin­is­trazioni coin­volte, le asso­ci­azioni com­mer­cianti e degli alber­ga­tori, i con­sorzi tur­is­ti­ci», assi­cu­ra Gre­co. Un’altra sca­den­za chi­ave è per giug­no: «La terza domeni­ca all’Orto Botan­i­co di Novezzi­na orga­nizzer­e­mo una fes­ta sim­i­le a quel­la che l’anno scor­so ha vis­to tan­ta gente parte­ci­pare con entu­si­as­mo». Come allo­ra, Bald­ofes­ti­val ha pen­sato a un’intera gior­na­ta: «Si com­in­cerà il mat­ti­no con escur­sioni in varie direzioni sul Bal­do e all’Orto Botan­i­co, seguirà una rif­les­sione sul nuo­vo rap­por­to tra tur­is­mo, servizi e dis­abil­ità sul Monte Bal­do. Poeti, musicisti, attori e maghi intrat­ter­ran­no gli ospi­ti fino al tramonto».