È il giorno di Ala

Musiche e velluti.

23/12/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

L’omaggio di Ala, cit­tà di vel­lu­to, al è arriva­to con le musiche di Bor­to­lazzi, uno dei più gran­di vir­tu­osi del man­dolino, inter­pre­tate da Luisel­la Con­ter (chi­tar­ra) e Ugo Orlan­di (man­dolino). Par­ti­to come salt­in­ban­co da Toscolano Mader­no, nel­la sec­on­da metà del XVIII sec­o­lo, in Aus­tria Bor­to­lazzi ebbe la for­tu­na di impara­re la musi­ca da un inseg­nante di pres­ti­gio e inven­tò poi il meto­do di man­dolino per musi­ca tedesca. La cit­tad­i­na è ospite fino a stasera del tra gli olivi con i del­la Val­la­ga­ri­na, con la sua tradizione musi­cale del­la cit­tà trenti­na — ospitò tra l’altro più volte il gio­vane Mozart, van­ta il del pianoforte anti­co (vis­itabile ogni pri­ma domeni­ca del mese) e orga­niz­za un con­cor­so per stru­men­ti a plet­tro inti­to­la­to a Gia­co­mo Sar­tori — e con un cen­tro stori­co tra i più bel­li del Trenti­no che viene val­oriz­za­to con la cul­tur­ale in luglio. (a.j.)

Parole chiave: