La Pro loco accoglie l’appello del Pontefice Venerdì niente cibo nel tendone-ristorante.

Natale tra gli olivi digiuna con il Papa a favore dei poveri

12/12/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Niente gas­trono­mia, sot­to il ten­done-ris­torante del « tra gli olivi», nel­la gior­na­ta di ven­erdì. La Pro loco di Gar­da, respon­s­abile del­la ris­torazione del­la lun­ga ker­messe natal­izia garde­sana, ha deciso di aderire alla gior­na­ta di digiuno per la pace procla­ma­ta da Gio­van­ni Pao­lo II. «Il 14», con­fer­ma il seg­re­tario Graziano Loren­zi­ni, «ter­re­mo chiu­so il salone del­la gas­trono­mia e esten­di­amo a tut­ti i nos­tri sim­pa­tiz­zan­ti l’invito a ver­sare il con­troval­ore dei rispar­mi del­la gior­na­ta di digiuno a favore dei poveri delle guerre». Il Papa ha invi­ta­to a una gior­na­ta di «digiuno purifi­ca­tore» il 14 dicem­bre, chieden­do di «pre­gare con fer­vore Dio per­ché con­ce­da al mon­do una pace sta­bile, fon­da­ta sul­la gius­tizia». E ciò di cui ci si pri­va «potrà essere mes­so al servizio dei poveri, in par­ti­co­lare di chi sof­fre in questo momen­to le con­seguen­ze del ter­ror­is­mo e del­la guer­ra». La pro­pos­ta del Pon­tefice ha dunque trova­to con­sen­so anche tra gli orga­niz­za­tori del «Natale tra gli olivi» di Gar­da. Per il resto, si pros­egue con le ser­ate pro­gram­mate dal­la Pro loco, che ha coin­volto numerosi sodal­izi nel­la ges­tione dei turni infra­set­ti­manali, men­tre nei week­end la sezione ris­torazione è affi­da­ta alle local­ità ospi­ti. Gli incon­tri gas­tro­nomi­ci sot­to il ten­done sono spes­so a scopo benefi­co. Così, dopo il risot­to e lo stin­co al forno cuci­nati ieri sera dal cir­co­lo Mangia&bevi di Gar­da in favore dell’, domani toc­cherà ai Fumane­si de soca imbandire una cena per l’Aido: dalle 18 alle 22 ver­ran­no servi­ti risot­to al Valpo­li­cel­la, brasato all’ e bogo­ni embriaghè. E alle 20, spazio alla musi­ca, con i Petols che eseguono i Bea­t­les in ver­sione veronese. Un appun­ta­men­to molto ghiot­to è sta­to mes­so poi in cantiere per lunedì 17. La Croce bian­ca, che opera con due sedi a Tor­ri del Bena­co e a Gar­da, è rius­ci­ta ad «arruo­lare» tre dei migliori chef dell’area garde­sana e baldense: sono Isidoro Con­toli­ni del Cav­al di Tor­ri, Flavio Tagli­a­fer­ro, chef free­lance divenu­to gira­mon­do per inseg­nare la cuci­na veronese in Giap­pone e negli Sta­ti Uni­ti, e Pino Frac­cari, tito­lare del ris­torante Da Cor­ra­do di Paz­zon di Capri­no Veronese. «Già lo scor­so anno», dice il pres­i­dente del­la Croce bian­ca Fabio Raguzzi, «potem­mo avvaler­ci del­la col­lab­o­razione di Con­soli­ni e Frac­caro, e quest’anno s’è aggiun­to anche Tagli­a­fer­ro, per una ser­a­ta effet­ti­va­mente invi­tante». Un antipas­to, un pri­mo e un dessert ver­ran­no pro­posti ad un prez­zo asso­lu­ta­mente con­tenu­to: 15 mila lire in tut­to, e com­pre­so c’è anche il Valpo­li­cel­la del­la can­ti­na Aldegheri. Sem­pre in tema asso­cia­ti­vo, ma al di fuori del set­tore «man­gerec­cio», il «Natale tra gli olivi» reg­is­tra un’altra inter­es­sante inizia­ti­va dell’Avis. Domeni­ca 16, dalle 9.30 alle 12.30 e — poi — dalle 15 alle 18, i dona­tori di sangue pro­por­ran­no nel­la sala con­sil­iare del munici­pio la sec­on­da mostra-scam­bio di tessere tele­foniche per i ragazzi delle scuole. Ques­ta vol­ta ci sarà anche il mer­cati­no delle card dei Digi­mon, dei Poke­mon e dei Drag­onball, gli eroi dei car­toni ani­mati tele­vi­sivi. Targhe ricor­do ai pos­ses­sori delle tessere più rare e di lon­tana e vec­chia emis­sione, nonché a chi cus­todisce il mag­gior quan­ti­ta­ti­vo di carte.

Parole chiave: