Importante convegno, il 16 dicembre, promosso dalla Comunità del Garda sul futuro del trasporto lacuale. Interverrà il sottosegretario Gentile: l’obiettivo è una gestione a tre dei servizi

Navigazione, la «febbre» dell’autonomia

08/12/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

«Mobil­ità ed infra­strut­ture» è il tito­lo del con­veg­no orga­niz­za­to dal­la , in col­lab­o­razione con il comune di Gar­da, saba­to 16 dicem­bre alle 9.30 in sala con­sil­iare. «Un prog­et­to per lo svilup­po del­la Regione del Gar­da» è il tema che aprirà il con­veg­no, affronta­to dal pres­i­dente del­la Comu­nità del Gar­da, Aventi­no Frau. Le con­clu­sioni, alle 12.30, saran­no tenute da Raf­faele Gen­tile, sot­toseg­re­tario al min­is­tero dei Trasporti.Alle 9.30 aprirà con i salu­ti il sin­da­co di Gar­da, Davide Bendinel­li, segui­to subito dopo dal­la relazione di Frau. Alle 10.15, l’architetto Mar­co Lucat, esper­to in piani­fi­cazione ter­ri­to­ri­ale, par­lerà del­la «Rete viaria dell’area garde­sana: realtà e prospet­tive». Seguirà il diret­tore del Con­sorzio Lago di Iseo, Sal­va­tore Vit­u­lano, che illus­tr­erà «La ges­tione del­la nav­igazione pub­bli­ca sul lago di Iseo».Alle 11.15 il sin­da­co di Peschiera, , affron­terà il tema cen­trale del con­veg­no: «La ges­tione del­la nav­igazione pub­bli­ca del Gar­da». Il sen­a­tore e sin­da­co di Riva, Clau­dio Moli­nari, appro­fondirà l’argomento con «Il trasporto lacuale come svilup­po eco­nom­i­co del ter­ri­to­rio». Alle 11.45 il pres­i­dente del­la Cam­era di com­mer­cio di Man­to­va, Ercole Mon­ta­nari, illus­tr­erà «I col­lega­men­ti Gar­da-Min­cio». Alle 12 il dibat­ti­to e alle 12.30 con­clu­sioni del sot­toseg­re­tario ai trasporti. Mod­er­a­tore del con­veg­no sarà Vale­rio Pri­gnachi, asses­sore ai trasporti del­la Provin­cia di Brescia.Tematiche, dunque, di ril­e­van­za vitale per il futuro del­lo svilup­po tur­is­ti­co, ambi­en­tale ed eco­nom­i­co del lago più grande d’Italia, che da decen­ni sta dis­cu­ten­do su come risol­vere i nodi via­bilis­ti­ci per un tur­is­mo di qual­ità. Negli ulti­mi anni il dibat­ti­to tra gli enti locali ha fat­to emerg­ere in maniera sem­pre più chiara la neces­sità di un trasporto pub­bli­co su acqua mod­er­no ed ecososteni­bile, alter­na­ti­vo alla mobil­ità su auto.Progetto che dovrebbe snodar­si su tre realtà region­ali diverse. Da qui la richi­es­ta dei sin­daci del lago di cos­ti­tuire una soci­età di ges­tione autono­ma del Gar­da per la nav­igazione pub­bli­ca, sep­a­ran­dola dal­la ges­tione gov­er­na­ti­va attuale dei Tre Laghi. Tap­pa d’obbligo nel­la staffet­ta tra Comu­ni, Provin­cie, Regioni e Sta­to, quin­di la richi­es­ta di region­al­iz­zazione del­la nav­igazione, per pas­sare alla fase suces­si­va: la nasci­ta di una soci­età di ges­tione mista pub­bli­co-pri­va­to.