Ed è sempre di più turismo sportivo di bikers e rocciatori

Nei campeggi è il «tutto esaurito»

15/04/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
cad.

Com­plice il bel tem­po, Pasqua ha por­ta­to con sè il pri­mo pienone del­la sta­gione tur­is­ti­ca. Una marea di vil­leg­gianti han­no pre­so d’as­salto i campeg­gi di Pra­bi, che infat­ti in questo fine set­ti­mana sono al tut­to esauri­to. Per i ritar­datari, in prevalen­za ital­iani, non è rimas­to da fare altro che dirottare sul Lin­fano. Gra­zie a loro e ai molti tur­isti stranieri che sono sce­si dal Nord in cer­ca di sole, anche nei campeg­gi che si affac­ciano sulle rive del Gar­da non è rimas­to un buco libero. Aus­triaci, ger­mani­ci e ital­iani las­ci­a­ta l’au­to sono mon­tati in sel­la alla moun­tain bike sgrop­pate con i mon­tain-bike nelle zone mon­tane altog­a­rde­sane. Molti altri anco­ra invece si sono lan­ciati alla con­quista delle rino­mate fale­sie arcensi.Il tur­is­mo pasquale è com­pos­to per metà o forse più dai fedeli. Col­oro che ad Arco ven­gono ormai da parec­chi anni. Il resto è fat­to da «nov­el­li­ni» che spes­so, dicono gli oper­a­tori, affas­ci­nati dal cli­ma mediter­ra­neo, per la gran parte si ripresen­ta in estate o alla prossi­ma Pasqua. Per accon­tentare ospi­ti sem­pre più esi­gen­ti, l’Am­sa sta rin­no­van­do e amplian­do il suo campeg­gio di Pra­bi. Gli inter­ven­ti riguardano, tra l’al­tro, i bun­ga­low. Quel­li vetusti, dopo qualche decen­nio di ono­ra­to servizio, sono sta­ti sos­ti­tu­iti da più accogli­en­ti casette pre­fab­bri­cate in leg­no. Le preno­tazioni sono andate a ruba. Un’al­tra oper­azione molto apprez­za­ta dai campeg­gia­tori, è sta­ta l’in­folti­men­to delle varie zone ver­di con numerose nuove piante, soprat­tut­to olivi. Il mal­tem­po non ha con­sen­ti­to di ulti­mare la real­iz­zazione di una quar­an­ti­na di nuove piaz­zole rica­vate nel fon­do Rav­iz­za, pos­to a sud, che è sta­to recen­te­mente acquis­ta­to dal­l’Am­sa. Un altro guaio dovu­to alla piog­gia riguar­da gli impianti sportivi accan­to alla scuo­la media. La pista sco­las­ti­ca di atlet­i­ca pen­e­tra­va per decine di metri nel campeg­gio, cre­an­do notevoli dis­a­gi. L’Am­sa, d’ac­cor­do con comune e direzione sco­las­ti­ca, sta costru­en­do un cam­po sporti­vo poli­va­lente nel ter­reno a cav­al­lo tra le medie ed il camp­ing. La strut­tura ver­rà usa­ta dagli stu­den­ti durante le lezioni ed in estate dai tur­isti. Anche il camp­ing al Lin­fano del­la munic­i­pal­iz­za­ta ha subito una «cura di rin­gio­vani­men­to», che non pote­va che far­gli bene. Infat­ti gli apprez­za­men­ti non si sono fat­ti attendere.