E' previsto un incremento del 7,34% che porterà 170 milioni di entrate in più L'assessore Sereni: dovevamo adeguarci al tasso d'inflazione

Nel 2002 aumenterà la tassa sui rifiuti

Di Luca Delpozzo
Elia Botturi

Nel­l’an­no 2002 qua­si di cer­to sarà aumen­ta­ta la tas­sa sui rifiu­ti. La pro­pos­ta è con­tenu­ta nel­lo schema di bilan­cio già approva­to dal con­siglio comu­nale. Per l’an­no prossi­mo, infat­ti, il doc­u­men­to let­to in aula dal­l’asses­sore al Bilan­cio, Inno­cente Sereni, recita quan­to segue: «Le entrate trib­u­tarie aumen­tano di cir­ca 170 mil­ioni, a causa del­l’in­cre­men­to del­la tas­sa sui rifiu­ti del 7,34% . La deci­sione di aumentare tale impos­ta — pros­egue la relazione — , è dovu­ta all’adegua­men­to al tas­so d’in­flazione e alla pro­gres­si­va cop­er­tu­ra che sarà obbli­ga­to­ria dal 2003».Difatti, fra poco più di un anno, le entrate che prover­ran­no dagli esbor­si dei cit­ta­di­ni dovran­no coprire intera­mente la spe­sa per lo smal­ti­men­to dei rifiuti.Un bel salto rispet­to alla situ­azione attuale, per cui si è ritenu­to equo iniziare ad avvic­inare l’en­tità del­la tas­sa a quel­la futura.L’amministrazione ha più volte sot­to­lin­eato, inoltre, come dal suo inse­di­a­men­to non ci siano mai sta­ti ritoc­chi al rial­zo delle imposte.Ritornando al bilan­cio 2002, gli uffi­ci finanziari preve­dono un pareg­gio che si attesterà attorno ai 53 mil­iar­di, pre­cisa­mente 27.506.400 euro. Sot­to con­trol­lo la spe­sa cor­rente, che salirà del­lo 0,91% , molto meno rispet­to all’in­flazione, e fra i motivi del­l’in­cre­men­to ci sono il per­son­ale, gli ammor­ta­men­ti e gli inter­es­si da pagare sui mutui.La sedu­ta con­sil­iare che ha licen­zi­a­to questo schema pre­vi­sion­ale, ha approva­to anche l’ul­ti­ma vari­azione di ass­es­ta­men­to di bilan­cio rel­a­ti­va­mente al 2001.In questo caso si è reg­is­tra­to un aumen­to delle entrate cor­ren­ti rispet­to alle aspet­ta­tive per il recu­pero delle eva­sioni (130 mil­ioni), l’ad­dizionale Irpef (50 mil­ioni) e mag­giori trasfer­i­men­ti statali (66 milioni).Fondi aggiun­tivi anche dagli oneri di urban­iz­zazione (315 mil­ioni), da una lot­tiz­zazione (170 mil­ioni) e da un con­trib­u­to ordi­nario (163 milioni).Queste disponi­bil­ità sono state inves­tite dal­l’am­min­is­trazione per incre­mentare i finanzi­a­men­ti per due opere: le nuove aree ver­di e la manuten­zione stra­or­di­nar­ia del­la viabilità.Altri 500 mil­ioni cir­ca sono sta­ti des­ti­nati ad ulte­ri­ori inter­ven­ti per il fun­zion­a­men­to del comune, fra cui spic­cano 100 mil­ioni per le attrez­za­ture informatiche.L’assessore Sereni ha poi illus­tra­to la situ­azione iner­ente al pat­to di sta­bil­ità inter­na per ridurre l’in­deb­ita­men­to delle casse munic­i­pali: «Rispet­to ai dati esposti nel mese di giug­no, rifer­i­ti al pri­mo trimestre del­l’an­no — ha dichiara­to — , il sal­do finanziario è sen­si­bil­mente miglio­ra­to. Rispet­to al 2000 il dis­a­van­zo è sta­to dimezzato».«Siamo fiduciosi — con­clude — che gli inter­ven­ti ora appor­tati con ques­ta vari­azione garan­tis­cano mag­gior­mente il rag­giung­i­men­to del­l’o­bi­et­ti­vo anche per il 2001».