L’assemblea della Catullo spa approva il bilancio

Nominati due nuovi amministratori e il collegio sindacale

29/05/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

La con­ces­sione quar­an­ten­nale, affi­da­ta dal gov­er­no alla soci­età di ges­tione del Cat­ul­lo, ha cam­bi­a­to com­ple­ta­mente la nos­tra prospet­ti­va, lo sguar­do sul futuro e adesso, per la pri­ma vol­ta, siamo in gra­do di immag­inare come sarà la nos­tra soci­età negli anni a venire”. Il pres­i­dente dell’aeroporto di Verona, Fabio Bor­to­lazzi ha aper­to così l’assemblea degli azion­isti, chia­mati al Grand Hotel Terme di Sirmione per l’esame del bilan­cio dell’esercizio 2007. Alla pre­sen­za del 92 per cen­to dei soci, il pres­i­dente ha pos­to l’accento sul­la prog­et­tual­ità con­tenu­ta nel piano di svilup­po, forte di uno schema di inves­ti­men­ti supe­ri­ore a 200 mil­ioni di euro da dis­tribuire in cinque anni su entram­bi gli scali. “Questo dis­eg­no di cresci­ta — ha fat­to notare — è ora pos­si­bile gra­zie alla con­ces­sione siglata dai min­is­teri delle Finanze, Trasporti e Dife­sa; pas­sag­gio che per­me­tte oggi di affrontare con seren­ità e solid­ità il piano di rilan­cio del Sis­tema Aero­por­tuale del Gar­da e di avan­zare ai soci la richi­es­ta di un aumen­to di cap­i­tale di 35 mil­ioni, dis­tribuiti tra il 2009 e il 2012”. Nel cor­so del­la sedu­ta è sta­to approva­to il doc­u­men­to eco­nom­i­co che chi­ude con ricavi in cresci­ta rispet­to al 2006 ma con un utile net­to infe­ri­ore ai risul­tati rag­giun­ti lo scor­so anno. La perdi­ta reg­is­tra­ta è pari a un mil­ione 700 mila euro. A deter­minare il seg­no neg­a­ti­vo dell’esercizio, han­no con­tribuito prin­ci­pal­mente alcu­ni ele­men­ti tra cui la ritar­da­ta istrut­to­ria da parte degli organi com­pe­ten­ti per la stip­u­la del Con­trat­to di Pro­gram­ma, stru­men­to che con­sente l’adeguamento delle tar­iffe e del prez­zo dell’assistenza alla ai costi reali sostenu­ti dall’aeroporto. Un peso ril­e­vante han­no avu­to anche i con­sis­ten­ti accan­ton­a­men­ti a fon­do rischi che il Cat­ul­lo ha dovu­to sostenere a tito­lo pre­cauzionale a fronte del­la dif­fi­cile situ­azione che il mer­ca­to aero­nau­ti­co sta affrontan­do. L’analisi del bilan­cio con­sol­ida­to (com­pren­si­vo quin­di delle con­trol­late del­la Cat­ul­lo) ha mes­so in rile­vo oltre cen­to mil­ioni di attiv­ità e un pat­ri­mo­nio net­to di oltre 40 mil­ioni di euro. Tra Verona e Bres­cia, l’andamento del traf­fi­co ha super­a­to nel 2007 i 3.700.000 passeg­geri, con un incre­men­to del 14% rispet­to al 2006. L’assemblea ha rap­p­re­sen­ta­to un’occasione per fare il pun­to sull’andamento dei flus­si con­cen­trati sul­lo sca­lo di Vil­lafran­ca dove, “nell’ultimo anno – ha spie­ga­to il diret­tore gen­erale Clau­dio Boc­car­do — c’è sta­ta una cresci­ta di qua­si il 17%; par­ti­co­lar­mente buona la per­for­mance dei voli di lin­ea che han­no reg­is­tra­to uno svilup­po del 37% nel set­tore inter­nazionale e del 14% in quel­lo domes­ti­co”. Il trend pos­i­ti­vo con­tin­ua anche nel pri­mo quadrimestre del 2008 dove il traf­fi­co passeg­geri sale del 6%. Nell’incontro di Sirmione, gli azion­isti han­no inoltre provve­du­to alla nom­i­na di due mem­bri del con­siglio di ammin­is­trazione: Andrea Pran­do al pos­to di Giampi­etro Dal Moro e Gian­car­lo Con­ta in sos­ti­tuzione di Ettore Riel­lo, entram­bi dimis­sion­ari durante il peri­o­do pre elet­torale. Con questo pas­sag­gio, si sta­bi­liz­za così il CdA del Cat­ul­lo, ridi­men­sion­a­to a sette mem­bri per effet­to del­la legge Finanziaria 2007 già lo scor­so 21 gennaio.Nel cor­so del­la stes­sa sedu­ta sono sta­ti nom­i­nati i respon­s­abili del col­le­gio sin­da­cale che rester­an­no in car­i­ca per i prossi­mi tre anni: Gre­go­rio Marugj per il min­is­tero dell’Economia e delle Finanze, Mau­r­izio Petruc­ci per il min­is­tero dei Trasporti, Gian­lu­ca Dall’Oglio, Alfon­so Sonato ed Enri­co Willi come sin­daci effet­tivi espres­si dagli enti locali, oltre ai sup­plen­ti Ste­fano Romi­to e Mas­si­mo Piccoli.

Parole chiave: