Appuntamento teatrale organizzato dal Lions club San Vigilio

«Non ti pago» per finanziare borsa di studio

21/11/2001 in Spettacoli
Di Luca Delpozzo

Dopo il suc­ces­so ottenu­to nelle due prece­den­ti rap­p­re­sen­tazioni al teatro di Castel­n­uo­vo, la com­pag­nia teatrale dell’istituto sco­las­ti­co Bena­cus ripro­por­rà la com­me­dia di Eduar­do de Fil­ip­po “Non ti pago” giovedì alle 21 al teatro Coral­lo di . La ser­a­ta è orga­niz­za­ta dal Lions club San Vig­ilio; nell’occasione ver­rà isti­tui­ta una bor­sa di stu­dio da devol­vere a favore di un allie­vo del liceo sci­en­tifi­co o del cor­so ex ragion­ieri Igea o del­la neona­ta scuo­la media che fre­quenterà con mer­i­to l’anno sco­las­ti­co 2002–2003. La com­pag­nia è nata due anni fa e ne fan­no parte ragazzi e ragazze di tutte le clas­si dell’istituto; ha fat­to il suo esor­dio l’anno scor­so con il testo “Che dice il tuo oro­scopo” di Fran­co Rober­to e si è cimen­ta­ta quest’anno con Eduar­do de Fil­ip­po. “Non ti pago” mette in sce­na una situ­azione para­dos­sale, nel­la quale il vinci­tore di una gio­ca­ta al lot­to, Bertoli­ni, non può riti­rare la sua vinci­ta per­ché don Fer­di­nan­do, il pro­tag­o­nista dell’opera e pro­pri­etario del­la casa in cui si svol­go­no le vicende, sostiene che i numeri gio­cati sono suoi — al vinci­tore sono sta­ti dati in sog­no, infat­ti, dal padre mor­to di don Fer­di­nan­do — ed è lui moral­mente pos­ses­sore del bigli­et­to vin­cente. Si susseguono poi una serie di colpi di sce­na: dal mal­oc­chio al ten­ta­to omi­cidio. La regia è di Rino Con­der­curi, tradut­tore anche del testo dal dialet­to napo­le­tano; inter­preti prin­ci­pali sono Pietro Ter­ri­ni nel ruo­lo di Fer­di­nan­do Quagli­uo­lo, e Clementi­na Dal Cin, cala­ta per­fet­ta­mente nel­la parte, che ne imper­sona la moglie. Impor­tante anche la pre­sen­za del­la pro­fes­sores­sa Pao­la Giu­liari, aiu­to regista.