Entra nel vivo la rassegna musicale dell’auditorium

Note lievi all’«Andrea Celesti»

Di Luca Delpozzo

Uno spazio per val­oriz­zare i gio­vani tal­en­ti musi­cali, già affer­mati, ma deg­ni di vis­i­bil­ità e del­la pos­si­bil­ità di dimostrare il loro val­ore. E’ quan­to si pro­pone di fare l’assessorato alla Cul­tura del Comune di Desen­zano, che, in col­lab­o­razione con l’associazione musi­cale “W.A. Mozart”, ha deciso di pro­porre alla cit­tad­i­nan­za un ciclo di quat­tro con­cer­ti che si svol­ger­an­no nell’auditorium “Andrea Celesti” con inizio alle ore 16 ed ingres­so gra­tu­ito. Si trat­ta di due recital pianis­ti­ci, un recital liri­co ed un con­cer­to per ensem­ble da cam­era. Il pri­mo appun­ta­men­to si è svolto domeni­ca 5 novem­bre, e ha vis­to la pianista Cetti Schinoc­ca, catanese di nasci­ta ma res­i­dente a Bres­cia, impeg­na­ta in brani di F. Listz, F. Chopin e del con­tem­po­ra­neo bres­ciano Mau­ro Montalbetti.Provengono, invece, da Noto gli allievi del­la scuo­la di can­to di Maria Sokolin­s­ka che domeni­ca 12 novem­bre, pro­por­ran­no un recital liri­co con brani di W.A. Mozart, G. Ver­di, G. Puc­ci­ni e N. Rimski-Korsakov.La domeni­ca suc­ces­si­va, 19 novem­bre, toc­cherà, poi, al pianista Daniele Benet­ti esi­bir­si in un recital con brani di F. Listz, M.Ravel, E.Granados.Concluderà la serie dei quat­tro con­cer­ti l’esibizione del Ned — Nuo­vo Ensem­ble Desen­zano, con musiche da film (N.Rota, N.Piovani, E.Morricone) e due prime assolute di brani con­tem­po­ranei (J.Butturini, L.Castelli).Degno di par­ti­co­lare atten­zione è pro­prio quest’ultimo appun­ta­men­to che vede pro­tag­o­nista il grup­po stru­men­tale di orig­ine desen­zanese che nasce nel 2005 su inizia­ti­va di Andrea Man­nuc­ci e che si pro­pone tra le sue final­ità quel­la di com­mis­sion­are nuovi lavori ad impor­tan­ti com­pos­i­tori e di inserire nel pro­gram­ma estrat­ti di colonne sonore cin­e­matogra­fiche di autori quali Mor­ri­cone, Rota, Pio­vani ed altri, riv­is­i­tati in una nuo­va dimen­sione clas­si­ca da gio­vani com­pos­i­tori e pro­posti in una ver­sione tim­bri­ca vic­i­na alla sen­si­bil­ità e al gus­to dei nos­tri giorni.L’ensemble si com­pone di affer­mati solisti e ha lo scopo di val­oriz­zare il reper­to­rio musi­cale meno ese­gui­to priv­i­le­gian­do pro­poste par­ti­co­lari ed innovative.