L’iniziativa, prevista alla fine dell’estate, durante il festival della frazione. Concerti, mostre e incontri dalle 21 alle 6 nel borgo medievale

«Notte bianca» anche a Campo

30/05/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Un fes­ti­val esti­vo ded­i­ca­to a Cam­po di Bren­zone. E’ ques­ta l’iniziativa che ver­rà pre­sen­ta­ta nel det­taglio domani, alle 11.30 in sala rossa nel­la sede del­la Provin­cia di Verona, dell’amministrazione comu­nale di Bren­zone, gui­da­ta dal sin­da­co, Gia­co­mo Simonel­li. «Il prog­et­to di recu­pero ambi­en­tale del nos­tro splen­di­do bor­go medievale alle pen­di­ci del Bal­do» ha illus­tra­to il pri­mo cit­tadi­no, «è davvero una pri­or­ità ed un’ urgen­za per i cit­ta­di­ni di Bren­zone e per ques­ta ammin­is­trazione comu­nale. Dob­bi­amo asso­lu­ta­mente val­oriz­zare e fare conoscere sem­pre più il nos­tro prog­et­to su Cam­po, in modo da rac­cogliere sin­ergie e i fon­di nec­es­sari per attuare il prog­et­to di recu­pero e ristrut­turazione già con­di­vi­so con enti e asso­ci­azioni pub­bliche e pri­vate. Di qui l’idea di creare un vero e pro­prio Fes­ti­val esti­vo con numerose inizia­tive. La pri­ma sarà il 2 giug­no prossi­mo, con la Fes­ta dei sen­tieri ed il raduno delle bande musi­cali a Cam­po». In occa­sione del­la Fiera di San­ta Cate­ri­na, patrona di Castel­let­to, a fine novem­bre l’amministrazione comu­nale ave­va orga­niz­za­to una ser­a­ta nel­la quale era­no inter­venu­ti pure alcu­ni esper­ti del Politec­ni­co di . Ingeg­neri ed architet­ti che ave­vano stu­di­a­to per mesi e delin­eato i det­tagli del bor­go arrampi­ca­to sul­la col­li­na baldense ave­vano pre­sen­ta­to, con tan­to di dia­pos­i­tive, le pos­si­bili soluzioni di ripristi­no delle antiche case e di recu­pero ambi­en­tale. Il tut­to adot­tan­do soluzioni tec­niche asso­lu­ta­mente all’avanguardia e nel mas­si­mo rispet­to del­la natu­ra cir­costante. Durante la ser­a­ta, era­no pure inter­venu­ti il pre­side di Verona But­turi­ni e il pres­i­dente del­la Provin­cia, pro­fes­sor Elio Mose­le. Da più par­ti era sta­ta con­fer­ma­ta al sin­da­co Simonel­li la totale disponi­bil­ità di enti ed isti­tuzioni a col­lab­o­rare ad un prog­et­to che vedrebbe la frazione di Cam­po come pun­to di rifer­i­men­to per un tur­is­mo rurale e cul­tur­ale, da pro­muo­vere in Italia e all’estero. A questo scopo, era sta­ta cre­a­ta apposi­ta­mente la Fon­dazione Cam­po di cui fan­no parte, oltre all’amministrazione comu­nale, pure la Comu­nità Mon­tana del Bal­do, l’Ugav, l’associazione alber­ga­tori del­la riv­iera veronese del Gar­da, il Comi­ta­to del Bald­ofes­ti­val e la Regione Vene­to. Quest’ultima ave­va ader­i­to alla Fon­dazione a pochi mesi dal­la sua cos­ti­tuzione ed ave­va sor­pre­so gli stes­si ammin­is­tra­tori di Bren­zone. Inoltre, l’assessore regionale ai lavori pub­bli­ci, Mas­si­mo Gior­get­ti, ave­va evi­den­zi­a­to, a fine 2005, come «sia la legge sul recu­pero del cen­tri stori­ci, che altre nor­ma­tive con­sen­tano di finanziare prog­et­ti mirati al recu­pero ed alla sal­va­guardia mon­u­men­tale del Bor­go sopra Bren­zone». «Sti­amo ora atten­den­do l’ade­sione uffi­ciale del­la Provin­cia» ha rib­a­di­to Simonel­li «che per­al­tro, infor­mal­mente, sap­pi­amo già sta lavo­ran­do da tem­po in questo sen­so, e del­la Cam­era di Com­mer­cio di Verona». Mer­cole­di mat­ti­na in sala rossa ver­ran­no intan­to resi noti i det­tagli di un Fes­ti­val che, sec­on­do le indis­crezioni, dovrebbe fare salire a Cam­po la Com­pag­nia teatrale La Bar­cac­cia, di Rober­to Puliero e dovrebbe avere come epi­l­o­go, a fine estate, una sor­ta di «notte bian­ca» con varie man­i­fes­tazioni ed intrat­ten­i­men­ti, dalle 21 alle 6 del mattino.

Parole chiave: