Stasera regata nel quarto decennale della Lega remiera che ha riportato in auge la voga veneta. Barca da battere è la regina di casa

Notte magica, tornano bisse e palio

28/06/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi

Con la rega­ta di Gar­da, oggi in not­tur­na, entra nel vivo il palio del­la Bandiera del Lago, sfi­da tra le bisse garde­sane, tipiche imbar­cazioni con . Il palio fes­teggia i 40 anni del­la Lega Bisse del Gar­da ed è inizia­to a metà giug­no sul Lago d’Iseo. La pro­va ha deter­mi­na­to la for­mazione dei tre grup­pi in cui sono sud­di­vise le 14 imbar­cazioni, in rap­p­re­sen­tan­za di otto Comu­ni garde­sani e iseani che si daran­no battaglia per aggiu­di­car­si il tro­fe­o­La cac­cia alla bandiera del lago 2008 è par­ti­ta alla grande: in pri­mo piano la Regi­na Ade­laide, la bis­sa deten­trice del tro­feo che si pre­sen­ta con lo stes­so equipag­gio for­matosi nel 2005: Mir­co Poz­zani, Cris­t­ian March­esi­ni, Romo­lo Squar­zoni e Cris­t­ian Faraoni. L’imbarcazione ha fat­to seg­nare il miglior tem­po, 6’22″ nel­la pri­ma bat­te­ria nel­la gara di aper­tu­ra sul Lago d’Iseo men­tre nel­la sec­on­da si è impos­ta la bis­sa di casa Clu­san­i­na (6’26) e nel­la terza Bar­dolino (6′23″).Oggi nel­la bat­te­ria dei for­ti a Gar­da ci sarà anche la sec­on­da bar­ca del grup­po La Roc­ca ovvero la bis­sa Palo­ma con al pri­mo remo il gio­vane Manuel Sala, al ter­zo il padre Fer­di­nan­do Sala che si scam­bierà nel cor­so del­la serie di prove con Pao­lo Tac­coni, al sec­on­do Michele Berton­cel­li e al quar­to Alber­to Malfer, in gara dal 1968 con un pal­mares di 12 Bandiere.Sfida aper­ta con la Bar­dolino, bar­ca che si pre­sen­ta con lo stes­so equipag­gio in gara dal 1991, com­pos­to dai fratel­li Bruno e Pier­francesco Maf­fez­zoli, Sil­vano Dall’Agnola e Mau­ro Faraoni. Club remieri quel­li di Gar­da e Bar­dolino, il pri­mo al di là e l’altro al di qua del­la stor­i­ca Roc­ca Vec­chia che da anni si bat­tono per man­tenere viva la tradizione del­la voga alla vene­ta (in pie­di). Mer­i­to in par­ti­co­lare del pri­mo club, che tiene viva la scuo­la del remo con risul­tati eccel­len­ti: ben cinque bandiere in suc­ces­sione. Il Cen­tro Nau­ti­co Bar­dolino, ulti­mo suc­ces­so nel 2002, è pre­sente al palio oltre che con la bis­sa Bar­dolino anche con Preon­da, con­dot­ta da Mat­tia Cam­postri­ni, Daniele Bertasi, Alessio Bilan­cio e Pietro Maf­fez­zoli, figlio di Pier Francesco, quar­to remo del­la Bar­dolino. Lazise, che con Bar­dolino, Gar­da e Gargnano fondò nel 1967 la Lega Bisse, con il Grup­po Olimpia schiera due imbar­cazioni: Bir­ba (Alessan­dro Zam­boni, Mau­ro Bat­tis­toni, Sil­vio Scala e Fabio Brunel­li) e Laci­si­um (Ste­fano Bergami­ni, Pietro Fil­ip­pi, Tobia Zant­edeschi, Ivan Poz­zani e Pao­lo Bigag­no­li). A com­pletare gli armi scaligeri l’Ichtya di Peschiera con i fratel­li Ste­fano e Osval­do Maz­zure­ga, Alan di Caprio, e Gian­lu­ca Perug­i­ni. Sette gli armi lom­bar­di inten­zionati a spez­zare la decen­nale ege­mo­nia dei veneti, i bres­ciani infat­ti con­quis­tarono l’ultimo tro­feo nel 1997 con Clu­san­i­na di Clu­sane. Gli iseani schier­a­no tre imbar­cazioni: Clu­san­i­na (Luca Bet­toni, Francesco Bosio, San­dro Bet­toni, Anto­nio Soar­di); Car­mag­no­la (Mar­co Ghezzi, Pao­lo Bianchi, Clemente Fer­rari, Rena­to Bosio) e Parati­co (Eris Camuf­fo, Ser­gio Zan­ni, Gabriele Gat­ti, Michele Corno, Emanuele Mar­ti­ni e Albano Bosio). Dieci i rema­tori in liz­za con i col­ori di Desen­zano: Lui­gi Girelli, Nico­la Sil­vestri, Dani­lo Brac­chi, Nun­zio Sal­vo e Mas­si­mo Bertazzi alla voga del­la Ca’ da Mosto; Michele Bel­lot­ti, Giuseppe, Enzo,Raffaele Bar­bi­eri e Gabriele Bar­ruc­chel­li team del­la Sant’Angela Meri­ci. Com­ple­tano gli armi lom­bar­di Fos­ca­ri­na di Gar­done e Vil­lanel­la di Gargnano. Assen­ti invece rispet­to alla scor­sa edi­zione San Felice del Bena­co, Salò e Toscolano Mader­no.

Parole chiave: