Primo volo per Tunisi Il turismo rianima la pista di Montichiari

Novità al «D’Annunzio»in attesa delle rotte nazionali

07/04/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Francesco Di Chiara

Aspet­tan­do l’attività a tem­po pieno l’aero­por­to «D’An­nun­zio» scal­da i «motori» con i viag­gi all’es­tero lun­go le rotte da e per Lon­dra e Tunisi. Pro­tag­o­niste le com­pag­nie aeree. Ogni giorno sono pre­visti due voli per la cap­i­tale dell’Inghilterra a prezzi strac­ciati con Rayanair e da mer­coledì prossi­mo un volo ogni set­ti­mana ver­so le spi­agge asso­late di Mona­s­tir con il tour oper­a­tor la «Bot­te­ga dei Viag­gi» e la com­pag­nia aerea tunisi­na Nou­ve­lair. Dopo la rin­un­cia del­la com­pag­nia bres­ciana di pros­eguire i voli con Roma si è in atte­sa di sapere chi sos­ti­tuirà i Leali nei voli interni. Intan­to sta per iniziare il peri­o­do dei pel­le­gri­nag­gi: i fedeli prepara­no le valigie per i voli char­ter che a mag­gio li porter­an­no a Lour­des con Bre­vivet. Non restano intan­to con le mani in mano i diri­gen­ti del­la Cat­ul­lo, azien­da che gestisce l’aero­por­to di Mon­tichiari con un 10 % di cap­i­tale bres­ciano, che tramite la voce del loro pres­i­dente Fer­nan­do San­son promet­tono «grande impeg­no per man­tenere la promes­sa dei 300 mila passeg­geri annui pre­ven­ti­vati a fine 2001». Un impeg­no che si sta con­cretiz­zan­do con quo­tid­i­ani con­tat­ti con varie com­pag­nie aeree (Volare, Air Eagles, Merid­i­ana ed altre), non solo per rime­di­are al più presto la lin­ea Bres­cia — Roma ma anche per piani­fi­care nuove rotte nazion­ali (isole e sud Italia in pri­mo luo­go) ma anche inter­nazion­ali. Un piano che con­sid­era pri­or­i­tario il set­tore delle mer­ci e che gra­zie al com­ple­to traslo­co dei mil­i­tari dagli hangar del­l’area aero­por­tuale si ren­derà ora pos­si­bile la prog­et­tazione di spazi con­sid­erevoli in una strut­tura che l’Ir­er (Isti­tu­to di ricer­ca del­la ) ha già clas­si­fi­ca­to tra le migliori d’Eu­ropa. Un fat­to che conoscono molto bene le isti­tuzioni bres­ciane («è ora di sti­lare un piano oper­a­ti­vo per una nuo­va soci­età di ges­tione» sosten­gono con insis­ten­za la Provin­cia di Bres­cia e la Cam­era di Com­mer­cio, part­ner bres­ciani nel Cat­ul­lo), e l’Al­i­talia che si sta inter­es­san­do del D’An­nun­zio tramite la conso­ci­a­ta Volare e la Sea (gestore di Malpen­sa e tramite la Sacbo anche di Berg­amo) che non nasconde le sue mire su Mon­tichiari. La com­pag­nia di bandiera che è pronta a far­si garante del ritiro di quel­la con­ces­sione aero­por­tuale che il Min­is­tero dei Trasporti dovrebbe in queste ore con­cedere di nuo­vo al Cat­ul­lo o tenere in sospe­so in atte­sa che decol­li final­mente l’aus­pi­ca­ta (sia dai lom­bar­di che dai veneti) nuo­va soci­età di ges­tione. Ottimista anche il sin­da­co di Mon­tichiari Gianan­to­nio Rosa. «Non ho dub­bi che in un modo o nel­l’al­tro ver­rà super­a­to in maniera pos­i­ti­va per tut­ti questo momen­to di stal­lo» osser­va il pri­mo cit­tadi­no che mon­i­tor­iz­za ogni giorno la situ­azione in stret­to con­tat­to con il diret­tore del­lo sca­lo mon­te­clarense Anto­nio Real­di. Nel­l’at­te­sa che maturi­no tutte le ques­tioni sul tavo­lo domani notte dal D’An­nun­zio si alz­erà in volo un char­ter inau­gu­rale ver­so la Tunisia, orga­niz­za­to dal­la «Bot­te­ga dei Viag­gi» in col­lab­o­razione con Cat­ul­lo, Provin­cia, Cam­era di Com­mer­cio di Bres­cia, Azien­da di pro­mozione tur­is­ti­ca Bres­ciana, Comune di Mon­tichiari, Ente del tur­is­mo Tunisi­no, Nou­ve­lair e la Pub­li­max di Bres­cia. Il volo è sta­to denom­i­na­to «Educ­tour 2001» e caricherà a bor­do del­l’air­bus Nou­ve­lair tunisi­no una cinquan­ti­na di bres­ciani, tra gior­nal­isti, indus­tri­ali e rap­p­re­sen­tan­ti di isti­tuzioni, enti ed asso­ci­azioni che in segui­to potran­no aiutare il D’An­nun­zio a rialzare la tes­ta. Il grup­po di viag­gia­tori spe­ciali, coor­di­na­to dalle guide bres­ciane di Marisa Fenot­ti, tito­lare de «La Bot­te­ga dei Viag­gi», incon­tr­erà in Tunisia le rap­p­re­sen­tanze del­la locale Cam­era di com­mer­cio e vis­it­er­an­no le bellezze arche­o­logiche e tur­is­tiche del­l’area di Mona­s­tir, Port El Kan­taoui, Sousse ed Mam­mamet. Al ritorno, pre­vis­to per mer­coledì pomerig­gio si faran­no cari­co di un attiv­ità pro­mozionale. L’obbiettivo? Far sì che l’airbus del­la Nou­ve­lair in parten­za ogni mer­coledì sia sem­pre pieno di tur­isti. Fino al 25 aprile è pos­si­bile anco­ra preno­tare un sog­giorno di una set­ti­mana a Sousse, cap­i­tale tur­is­ti­ca del­la Tunisia, a par­tire da 660 mila lire tut­to com­pre­so (volo, pen­sione com­ple­ta, bevande, guide bres­ciane e ani­mazione sul pos­to), con parten­za e ritorno sulle piste del «D’An­nun­zio» di Montichiari.