Le piogge di ieri hanno provocato fuoriuscite di detriti. Guai anche per un albergo

Nuova frana sulla Gardesana

09/07/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

Garde­sana aper­ta a singhioz­zo negli ulti­mi tre giorni nel suo set­tore più a nord, in ter­ri­to­rio del comune di Tig­nale, a pochissi­ma dis­tan­za dal luo­go nel quale si sta costru­en­do la nuo­va gal­le­ria di For­bisi­cle. In quel pun­to, dopo la chiusura del­la stra­da avvenu­ta nel tar­do pomerig­gio di domeni­ca a causa del­lo strari­pa­men­to di un rigag­no­lo che, trovan­do ostru­ito il tombot­to, ave­va river­sato sul­la sede stradale acqua e detri­ti, l’Anas ave­va risis­tem­ato la situ­azione con la col­lab­o­razione del­la Comu­nità mon­tana e del Comune di Tignale.Sul luo­go era­no inter­venu­ti anche i e la polizia locale di Gargnano, oltre alla polizia stradale. Dopo una gior­na­ta di lavoro, lunedì sera la Garde­sana è sta­ta ria­per­ta, anche se con mol­ta cautela, in con­sid­er­azione del fat­to che la polizia stradale teme­va nuovi e for­ti tem­po­rali. E la pre­vi­sione si è pun­tual­mente avver­a­ta ieri mat­ti­na. E così, al Prà de la Fam, luo­go assai caro ai sur­fisti, vici­no alla bel­la limon­a­ia che si tro­va di fronte alla stra­da, l’acqua è tor­na­ta a invadere la car­reg­gia­ta, cau­san­do l’ennesimo stop alla cir­co­lazione, che è dura­to dalle ore 7 alle ore 10.30 di ieri.Per gli auto­mo­bilisti, l’alternativa è sta­ta rap­p­re­sen­ta­ta dal­la sp del­la Tig­naglia, oppure, nel caso dei tur­isti, dal giro del lago. Anche ieri mat­ti­na sul luo­go sono inter­venu­ti gli uomi­ni dell’Anas, oltre ai cara­binieri di Gargnano e Limone, e ai respon­s­abili dell’ufficio tec­ni­co del Comune di Tig­nale. Dan­ni sono sta­ti reg­is­trati anche all’albergo che si tro­va tra la limon­a­ia e la gal­le­ria, in prossim­ità del pic­co­lo cor­so d’acqua che, non trovan­do libero il tombot­to, ha scar­i­ca­to la sua acqua in stra­da e nei locali dell’albergo. Non si trat­ta dell’unico incon­ve­niente causato dal mal­tem­po tra domeni­ca pomerig­gio e ieri mat­ti­na. Per affrontare nel­la sua glob­al­ità il prob­le­ma i respon­s­abili del comune di Tig­nale i tec­ni­ci del­la Comu­nità Mon­tana e i tec­ni­ci dell’Anas han­no fis­sato un incon­tro domani mat­ti­na nel­la sede del­la comu­nità dell’Alto Gar­da. Dal­la riu­nione potreb­bero arrivare soluzioni defin­i­tive al prob­le­ma che rischia di con­dizionare la via­bil­ità ad ogni improvvi­so rovescio temporalesco.Casi di inter­ruzione di strade sono sta­ti reg­is­trati anche a Toscolano Mader­no, Vil­lan­uo­va, sul­la stra­da tra Monte Gargnano e Cos­ta, e anco­ra a Tig­nale, sul­la stra­da per Pio­vere. Altri dan­ni, di minore entità, si sono avu­ti a causa di rami o pic­cole pietre ter­mi­nati addos­so alle vet­ture, sen­za ulte­ri­ori con­seguen­ze per le per­sone. Un pic­co­lo cedro è cadu­to nel­la zona del piaz­za­le delle Ginestre, a Gar­dola. E anche le man­i­fes­tazioni tur­is­tiche han­no paga­to lo scot­to del for­tu­nale che ha col­pi­to il Gar­da. È accadu­to a Gargnano, con la sospen­sione del­la man­i­fes­tazione «Cara, vec­chia Gargnano», in pro­gram­ma domeni­ca sera. Gli orga­niz­za­tori han­no sospe­so i prepar­a­tivi, che era­no già a buon pun­to, e rin­vi­a­to tut­to a domeni­ca prossi­ma. Nel­la sper­an­za che l’estate ripren­da dopo ques­ta vig­orosa inter­ruzione.

Parole chiave: