D'Annunzio Segreto nuovo allestimento, la serra e le vallette restaurate e, dalla regione Lombardia 500 mila euro per le sedute del teatro in marmo rosso di Verona

Nuove presentazioni al Vittoriale degli Italiani

Iscriviti al nostro canale
Di Redazione
Amori seg­reti si ritrova­vano e si con­giungevano, scrive­va Gabriele d’Annunzio nel­la Nov­el­le del­la Pescara, e nell’Alle­go­ria dell’autunno: “Instau­ri­amo e restau­ri­amo la vita anti­ca e nuo­va”. Sul­la scor­ta di queste sug­ges­tioni, dopo cinque anni di lavoro, ricer­ca e cat­a­logazione, i beni pre­sen­ti nel solaio del Vit­to­ri­ale sono sta­ti final­mente restau­rati gra­zie al con­trib­u­to del­la Fon­dazione Comu­nità Bres­ciana. Stufe-gioiel­lo, mobili, selle, opere d’arte e ogget­ti per­son­ali donati e acquis­ta­ti, e lì sti­pati pri­ma di decidere se e dove col­lo­car­li, era­no rimasti cristal­liz­za­ti nel tem­po a par­tire dalle 20.05 di quel pri­mo mar­zo 1938 in cui il Poeta morì improvvisa­mente nel suo stu­dio. Ora ven­gono esposti al pub­bli­co nel nuo­vo alles­ti­men­to del­la mostra per­ma­nente D’Annunzio seg­re­to, cura­to da Ange­lo Bucarel­li, che è sta­to pre­sen­ta­to al pub­bli­co in occa­sione del­la fes­ta “D’Annunzio ritrova­to”.
 
Oltre alle opere ripor­tate alla luce, la fes­ta è sta­ta anche l’occasione di pre­sentare quan­to svolto negli ulti­mi mesi, tra nuovi prog­et­ti, don­azioni, acqui­sizioni e recu­peri. L’Assessore alla Cul­tura del­la Regione Lom­bar­dia Ste­fano Bruno Gal­li sarà infat­ti pre­sente per inau­gu­rare il restau­ro delle Val­lette e del­la Ser­ra, real­iz­za­to gra­zie ai finanzi­a­men­ti region­ali. Queste inau­gu­razioni fan­no parte del prog­et­to ideato dal Pres­i­dente Gior­dano Bruno Guer­ri e denom­i­na­to Ricon­quista, che prevede entro l’inizio del 2021 – cen­te­nario del Vit­to­ri­ale — l’apertura o la ria­per­tu­ra di ogni area, con nuovi servizi e nuovi spazi muse­ali.
E anco­ra, tutte le inizia­tive legate alle cel­e­brazioni del Cen­te­nario dell’impresa di Fiume, il Servizio Civile Nazionale e le don­azioni di nuove opere, il tut­to in una gior­na­ta di aper­tu­ra gra­tui­ta del Par­co del­la dimo­ra dan­nun­ziana. 
Alla man­i­fes­tazione era pre­sente anche Daniela Tisi, con­sigliera del min­istro dei Beni cul­tur­ali per le reti muse­ali, che ha apprez­za­to il lavoro svolto in questi anni da Gar­daMu­sei, di cui il Vit­to­ri­ale è capofi­la.

Un pò a sor­pe­sa l’asses­sore all’Au­tono­mia e Cul­tura, Ste­fano Bruno Gal­li, ha annun­ci­a­to al pres­i­dente del­la Fon­dazione del Vit­to­ri­ale, Gior­dano Bruno Guer­ri, che l’asses­so­ra­to inter­ver­rà conc­re­ta­mente, stanzian­do i fon­di nec­es­sari, per la cop­er­tu­ra delle sedute del­l’an­fiteatro del Vit­to­ri­ale, con il mar­mo rosso veronese.

Si trat­ta di un impeg­no sig­ni­fica­ti­vo, nel­l’or­dine di cir­ca 500.000 euro — ha spie­ga­to l’asses­sore — che rimar­rà nel­la sto­ria per­ché così lo volle l’ar­chitet­to Gian­car­lo Maroni nel prog­et­to orig­i­nario”.

Il mio asses­so­ra­to — ha con­clu­so Gal­li — sarà sem­pre dal­la parte di chi gestisce con intel­li­gen­za, gran­di capac­ità, in maniera vir­tu­osa e autono­ma, realtà muse­ali come quel­la gui­da­ta dal pres­i­dente Guer­ri che rap­p­re­sen­ta un mod­el­lo da imitare”.

Commenti

commenti