In atto i lavori per la realizzazione del parcheggio comunale di via Preite. Da alcuni giorni l'impresa bresciana Roda è impegnata nello scavo per la realizzazione del piano interrato, superficie netta poco meno di 2900 metri quadrati.

Nuovi posti auto per 142 vetture

01/06/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

In atto i lavori per la real­iz­zazione del parcheg­gio comu­nale di via Pre­ite. Da alcu­ni giorni l’im­pre­sa bres­ciana Roda è impeg­na­ta nel­lo sca­vo per la real­iz­zazione del piano inter­ra­to, super­fi­cie net­ta poco meno di 2900 metri qua­drati, con pre­visti spazi di sos­ta e di manovra per 120 auto, oltre a un bloc­co cen­trale con­te­nente spazi tec­ni­ci, una scala e l’as­cen­sore per la comu­ni­cazione con il piano terreno.La super­fi­cie del­la cop­er­tu­ra del piano inter­ra­to sarà uti­liz­za­ta in parte come spazio di manovra e di sos­ta per le autovet­ture (6 posti autop­ull­man e 22 posti auto di cui quat­tro per por­ta­tori di Hand­i­cap), in parte come area a verde. M cen­tro del piaz­za­le ci sarà una costruzione ad un piano cos­ti­tui­ta da due bloc­chi col­le­gati da un por­ti­co passante.Il bloc­co a ovest oltre all’uf­fi­cio-bigli­ete­ria servirà come chiosco; in quel­lo ad est ver­ran­no rica­vati i servizi igien­i­ci e iel­la parte cen­trale arriverà la scala e .‘ascen­sore dal piano inter­ra­to. L’ac­ces­so e l’us­ci­ta delle autovet­ture sono sta­ti sit­uati negli angoli opposti con lat­er­al­nente a ognuna delle due porte, due cor­sie pedonali di emer­gen­za che risal­go­no ungo le rampe car­raie fino a liv­el­lo del ter­reno. Per il rapi­do sfol­la­men­to del ^archeg­gio in caso di emer­gen­za è pre­vista anche una scala di sicurez­za per una ilte­ri­ore comu­ni­cazione con il piano superiore.L’opera, che viene ad essere uno dei iri­mi parcheg­gi real­iz­za­ti con i finanzia­nen­ti del­la Regione Vene­to, è sta­ta pre­sen­ta­ta agli oper­a­tori eco­nomi­ci e alle asso­ci­azioni di cat­e­go­ria garde­sane nel cor­so di una con­feren­za stam­pa svoltasi pres­so la sala civica.“Un prog­et­to”, ha esor­di­to il sin­da­co Gior­gio Comenci­ni — “nato come parcheg­gio con­ven­zion­a­to con i pri­vati ma approdato,grazie all’in­ter­es­sa­men­to del dipar­ti­men­to dei trasporti del­la Regione e alla col­lab­o­razione del geome­tra Mau­r­izio Poli, su suo­lo comu­nale e solo in parte su quel­lo del demanio “.Sof­fer­man­dosi sug­li aspet­ti eco­nomi­ci il sin­da­co ha evi­den­zi­a­to come il piano di finanzi­a­men­to decen­nale vede in pri­mo piano la Regione con un inter­ven­to ann­uo di 430 mil­ioni men­tre la quo­ta di spet­tan­za del Comune è di 50 mil­ioni annui.Per quan­to invece riguar­da la ges­tione del parcheg­gio Comenci­ni si è det­to disponi­bile a trovare un accor­do con i pri­vati e in par­ti­co­lare le asso­ci­azioni di cat­e­go­ria. L’asses­sore ai lavori pub­bli­ci Loren­zo Van­ti­ni ha evi­den­zi­a­to come siano sta­ti accelerati i tem­pi per la con­seg­na dei lavori che dovran­no con­clud­er­si entro 300 giorni. Il prog­et­tista Bruno Bonag­iun­ti si è sof­fer­ma­to sug­li impianti e in par­ti­co­lare su quel­li di automazione del­la sos­ta rego­la­men­ta­ta che ren­dono il parcheg­gio alta­mente fun­zionale.

Alvaro Joppi

Commenti

commenti