Il nuovo bocciodromo arilicense sorgerà nella zona degli impianti sportivi di San Benedetto: quattro campi regolamentari dotati di tribuna, una sala indipendente in grado di ospitare quasi un centinaio di posti a sedere.

Nuovo Bocciodromo con tribuna

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Il nuo­vo boc­cio­dro­mo aril­i­cense sorg­erà nel­la zona degli impianti sportivi di San Benedet­to: quat­tro campi rego­la­men­tari dotati di tri­buna, una sala indipen­dente in gra­do di ospitare qua­si un centi­naio di posti a sedere, il tut­to com­ple­ta­to da una serie di servizi atti a fare del­la strut­tura un effi­cace cen­tro di aggregazione.“La base d’as­ta per l’ag­giu­di­cazione del­l’ap­pal­to è di cir­ca un mil­iar­do e mez­zo e, se tut­to va bene, dovrem­mo essere in gra­do di par­tire con il ban­do già entro il mese prossi­mo” spie­ga il sin­da­co . “Come ave­va­mo già pre­an­nun­ci­a­to la cifra viene dal­l’u­ti­liz­zo di una parte dei proven­ti rica­vati dal­la ven­di­ta del ter­reno in local­ità Pioppi”.La scelta di fare i campi rego­la­men­tari è det­ta­ta dal­la sper­an­za di pot­er ospitare anche gare importanti.“Il boc­cio­dro­mo ver­rà real­iz­za­to di fian­co ai campi da ten­nis e alla pias­tra poli­va­lente; è una zona pro­tet­ta da vin­co­lo ambi­en­tale e quin­di vi sarà mol­ta atten­zione nel­la scelta dei mate­ri­ali. “Un altro aspet­to molto impor­tante sarà, sot­to­lin­ea Chin­car­i­ni, quel­lo del­la ges­tione del­l’impianto: il vice-sin­da­co Car­lo Nosè insieme al con­sigliere del­e­ga­to alla sport Alfon­so Pat­ri­mo­nio stan­no infat­ti val­u­tan­do una serie di pos­si­bil­ità in modo che ci sia if dovu­to riscon­tro nel­l’af­fi­da­men­to di un cen­tro così importante”.Questo prob­le­ma è vis­to come uno dei più del­i­cati e l’Am­min­is­trazione non vor­rebbe cor­rere rischi di ved­er van­i­fi­ca­to un impeg­no così sig­ni­fica­ti­vo da una ges­tione non suf­fi­cien­te­mente attenta.Le ipote­si al riguar­do con-vertono sul­la stesura di una con­ven­zione che potrebbe essere fir­ma­ta con qual­cu­na delle asso­ci­azioni sportive inter­es­sate: la Boc­ciofi­la Peschiera ma anche il Ten­nis Club aril­i­cense, che già segue la ges­tione dei campi pre­sen­ti nel­la stes­sa area e non è sta­ta nem­meno esclusa la pos­si­bil­ità delle cooperative.“Noi ci auguri­amo che si com­pren­da anche il ris­volto sociale di un inter­ven­to del genere”, rib­adisce il sin­da­co. “Un inves­ti­men­to impor­tante: la sala che vi sarà rica­va­ta avrà la capien­za mag­giore tra quelle del nos­tro comune e, inoltre, per come è sta­to prog­et­ta­to vuole diventare un aut­en­ti­co cen­tro di aggregazione per la frazione di San Benedetto”.In ques­ta local­ità, infat­ti, è sta­ta da poco inau­gu­ra­ta l’iso­la eco­log­i­ca e tra breve, pri­ma del boc­cio­dro­mo, toc­cherà al par­co giochi real­iz­za­to di fian­co alla scuo­la elementare.“Un impeg­no impor­tante che, in questi anni, l’Am­min­is­trazione ha ritenu­to di pot­er sostenere anche in relazione alla col­lab­o­razione con gli abi­tan­ti e con le diverse realtà che già oper­a­no: insieme alle altre dob­bi­amo citare anche l’An­spi, che si occu­pa del­la ges­tione del cam­po dì cal­cio vici­no alla chiesa”.“Anche da parte loro abbi­amo sem­pre riscon­tra­to la mas­si­ma seri­età e disponi­bil­ità ed è questo che ci fa ben sper­are “,con­clude Chin­car­i­ni, “per il futuro del boc­cio­dro­mo”.

Parole chiave: