Nuovo collettore fognario per Tignale

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

Ammon­ta a 2 mil­iar­di e mez­zo l’im­peg­no di spe­sa pre­vista dal pro­to­col­lo d’intesa fra la Provin­cia di Bres­cia e l’Azien­da Spe­ciale per la real­iz­zazione del pri­mo lot­to rel­a­ti­vo alla sis­temazione del­l’in­tero col­let­tore fog­nario del comune di Tig­nale. Un inter­ven­to, il cui finanzi­a­men­to è sop­por­ta­to dal­la stes­sa Provin­cia men­tre al Gar­da Uno spet­ta la prog­et­tazione e real­iz­zazione, reso nec­es­sario per dare una defin­i­ti­va sis­temazione a tut­to il ter­ri­to­rio di questo comune che attual­mente vede una situ­azione del sis­tema fognario/depurativo con enor­mi dif­fi­coltà oper­a­tive a causa di moltepli­ci fattori.La popo­lazione res­i­dente è sti­ma­ta in 1.224 abi­tan­ti a cui si aggiun­gono 100 abi­tan­ti sta­bili ma non res­i­dente ed una popo­lazione flut­tuante con per­not­ta­men­to di 4900 unità. A questi si devono aggiun­gere ulte­ri­ori 329 abi­tan­ti equiv­alen­ti, di orig­ine indus­tri­ale, per un totale di 6553 abi­tan­ti. La super­fi­cie com­p­lessi­va del comune di Tig­nale, sit­u­a­to a 555 metri s.l.m., è di 48.42 2 con una super­fi­cie urban­iz­za­ta servi­ta da pub­bli­ca fog­natu­ra di 0.43 2 che serve il 74% del­la popo­lazione insediata.Il prog­et­to prevede l’e­lim­i­nazione dei pic­coli depu­ra­tori attual­mente esisten­ti nelle varie frazioni con la real­iz­zazione di un uni­co col­let­tore che inter­es­si tutte le frazioni, oltre nat­u­ral­mente al capolu­o­go, andan­do poi a recap­itare i reflui rac­colti nel col­let­tore prin­ci­pale con­sor­tile di Gargnano e da qui poi al depu­ra­tore di Peschiera.L’intero prog­et­to vede pre­ven­ti­va­ta una spe­sa com­p­lessi­va di 5.700.000.000 di cui il pri­mo lot­to fa parte. Saran­no real­iz­zate tre stazioni di soll­e­va­men­to posizion­ate in local­ità Cam­pogrande, Pra­bione e Old­e­sio oltre scar­i­ca­tori di piena e vasche di accu­mu­lo. Per ques­ta oper­azione ver­ran­no uti­liz­za­ti oltre 14.385 metri di tuba­ture in ghisa con diametri vari­abili di mm.250/300.Particolare atten­zione è sta­ta ded­i­ca­ta all’im­pat­to ambi­en­tale che non subirà alcu­na detur­pazione in quan­to si trat­ta di impianti inter­rati inter­es­san­ti opere e infra­strut­ture già esistenti.Nel pri­mo lot­to ver­ran­no real­iz­zate con­dut­ture per cir­ca 6400 metri lin­eari con la sud­di­vi­sone fra acque nere e acque bianche men­tre ver­rà com­ple­ta­ta la col­let­tazione delle frazioni di Tig­nale, sino al col­lega­men­to con la frazione di Pio­vere, la real­iz­zazione degli sfio­ra­tori di piena ed i tre impianti di soll­e­va­men­to.

Parole chiave: