Tre giorni di festa grande a Carzago, frazione di Calvagese della Riviera, per l’inaugurazione della nuovissima realtà socio-assistenziale del micronido

Nuovo micronido a Carzago della Riviera

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Tre giorni di fes­ta grande a Carza­go, frazione di Cal­vagese del­la Riv­iera, per l’inaugurazione del­la nuo­vis­si­ma realtà socio-assis­ten­ziale del micronido, real­iz­za­to pres­so la strut­tura del­la scuo­la mater­na “F. Con­ter”. Una realtà capace di ospitare con­tem­po­ranea­mente 24 bam­bi­ni di età com­pre­sa fra i 12 e 36 mesi. Un “servizio educa­ti­vo” è sta­to chiam­a­to ind­i­riz­za­to in par­ti­co­lar modo a quelle famiglie, o gen­i­tori, che impeg­nati quo­tid­i­ana­mente nel mon­do del lavoro incon­tra­no par­ti­co­lari dif­fi­coltà orga­niz­za­tive all’interno del­la pro­pria famiglia soprat­tut­to nei riguar­di dei figli pic­coli. Un prob­le­ma questo che viene avver­ti­to soprat­tut­to quan­do le mamme dopo il peri­o­do di asten­sione dal pos­to di lavoro per la mater­nità devono far ritorno al loro pos­to di lavoro. Pro­prio in questo momen­to si avverte il mag­gior bisog­no di strut­ture in gra­do di assis­tere i pic­coli. Prob­le­ma spes­so aggra­va­to dal fat­to che i non­ni non vivono nel­lo stes­so paese di res­i­den­za dei gen­i­tori o, come spes­so accadde, gli stes­si non­ni sono anco­ra in piena età lavo­ra­ti­va e quin­di non disponi­bili a cus­todire i pro­pri nipoti. Sen­si­bili a queste prob­lem­atiche i com­po­nen­ti il con­siglio di ammin­is­trazione del­la scuo­la mater­na di Carza­go, e dopo vari con­fron­ti con altre sim­ili realtà gia oper­an­ti, han­no deciso di dar avvio alla real­iz­zazione del Micronido. Nat­u­ral­mente si sono avvi­ate anche le numerose, ed imman­ca­bili fasi buro­cratiche com­pre­so anche il recu­pero dei fon­di nec­es­sari alla real­iz­zazione ottenu­ti dal­la e dal­la Fon­dazione Car­i­a­lo. Gia da alcu­ni mesi ven­gono ospi­tati alcu­ni bam­bi­ni che uti­liz­zano gli spazi real­iz­za­ti apposi­ta­mente per loro dalle 7.45 fino alle 15.30. le prin­ci­pali attiv­ità svolte riguardano in gran parte il momen­to ludi­co, i giochi a ter­ra in un appos­i­to spazio mor­bido, l’esplorazione dell’ambiente sia inter­no che ester­no, kla con­ver­sazione e l’ascolto di faibe e di musi­ca. E poi il pran­zo ed il riposo pomerid­i­ano. Per le gior­nate inau­gu­rali è sta­to pre­dis­pos­to un pro­gram­ma den­so e ric­co di inter­esse. Si inizia ven­erdì 31 agos­to, alle ore 20.30, con un con­veg­no sul tema “La nos­tra comu­nità si inter­ro­ga sui bisog­ni del bam­bi­no”. Inter­ver­ran­no Maria Luisa Tironi, diret­trice del con­sul­to­rio CIDAF di Bres­cia e Ange­lo, Met­al­li, peado­gista del­e­ga­to scuo­la UNICEF. Ambedue i rela­tori svol­go­no anche la fun­zione di con­sulen­ti del micronido stres­so. Saba­to 1 set­tem­bre, alle ore 21.00, ver­rà effet­tua­ta la proiezione, all’aperto, del film “Galline in fuga”. Domeni­ca gior­na­ta clou con la cel­e­brazione del­la san­ta mes­sa alle ore 10.30, pre­siedu­ta dal mons. Fausti­no Guer­ri­ni. Al ter­mine benedi­zione dei nuovi locali alla pre­sen­za di numerose, pre­an­nun­ci­ate, autorità region­ali e provin­ciali e comu­nali. Nel pomerig­gio, dalle 16.00 alle 19.00, sarà pos­si­bile a tut­ti vis­itare i vari locali com­posti da un ampia sala per le attiv­ità didat­tiche, un ango­lo riposo, la cuci­na ed il refet­tori comune oltre, nat­u­ral­mente, ai servizi igien­i­ci, alla dis­pen­sa ed a spazi esterni.

Parole chiave: -

Commenti

commenti