L’intenzione dell’Amministrazione comunale di Salò di mettere in vendita il vecchio campo sportivo «Carlo Amadei». Con ogni probabilità nel «piano regolatore» verrà modificata la destinazione per rendere la zona edificabile.

Nuovo Stadio per il Garda bresciano

11/06/2000 in Sport
Di Luca Delpozzo
Silvia Musesti

Abbi­amo già par­la­to dell’intenzione dell’Amministrazione comu­nale di Salò di met­tere in ven­di­ta il vec­chio cam­po sporti­vo «Car­lo Amadei». Con ogni prob­a­bil­ità nel «piano rego­la­tore» ver­rà mod­i­fi­ca­ta la des­ti­nazione per ren­dere la zona edi­fi­ca­bile. A pren­dere le fun­zioni del vec­chio «Amadei» — tra le piscine, lo sta­dio nuo­vo ed il campet­to pluriu­so — sarà un nuo­vo cam­po di cal­cio delle stesse dimen­sioni. «L’idea — spie­ga Bernar­do Berar­dinel­li, asses­sore ai Lavori pub­bli­ci — è nata dall’urgenza di met­tere a nor­ma il vec­chio cam­po (per il quale servireb­bero cir­ca 400 mil­ioni) e la neces­sità di dotare lo sta­dio “Turi­na” di un campet­to di allena­men­to per diverse esi­gen­ze». La pro­pri­età dell’area è già del Comune e pare che l’Aci Bena­co, alla quale la srl «Due Pini» ha affida­to la ges­tione degli impianti calcis­ti­ci, con­di­vi­da il prog­et­to. Sarà cre­ato, quin­di, un cam­po in ter­ra bat­tuta con­tiguo allo sta­dio. L’intervento richiederà anche una rior­ga­niz­zazione di tut­to l’attuale polo sporti­vo: l’ingresso del­lo sta­dio sarà sposta­to da dove ora si tro­va (davan­ti alla pro­pri­età Pedrazzi, per inten­der­ci) all’interno, tra i due campi, per avere un’unica bigli­et­te­ria ed un’unica entra­ta per entram­bi i ter­reni da gio­co. Un sen­tiero pro­tet­to per­me­t­terà ai gio­ca­tori di accedere agli spoglia­toi ed ai lati ci sarà una striscia verde. La con­for­mazione degli spoglia­toi, ora trop­po gran­di, sarà «razion­al­iz­za­ta», anche in pre­vi­sione dell’uso con­tem­po­ra­neo degli stes­si da parte dei gio­ca­tori del­lo sta­dio e di quel­li del cam­po di allena­men­to. In atte­sa che sia disponi­bile il prog­et­to defin­i­ti­vo, è già sta­ta ottenu­ta dal Coni l’autorizzazione ver­bale. Tut­to las­cia credere che sarà pos­si­bile indire entro l’estate la gara di appal­to dei lavori. Se tut­to andrà nel ver­so gius­to, si prevede di com­pletare l’opera per l’inizio del­la sta­gione calcis­ti­ca 2001/2002. Il prog­et­to per questo inter­ven­to che con­sen­tirà di rior­ga­niz­zare gli impianti calcis­ti­ci è sta­to redat­to dall’architetto Armelli­ni. Il cos­to com­p­lessi­vo è indi­ca­to in 600 mil­ioni di lire. «Le tri­bune per ora pre­viste per questo cam­po sono di 80 posti a sedere, ma res­ta la pos­si­bil­ità di aggiungerne altre ai lati», spie­ga l’arch. Anna Gat­ti, dell’Ufficio tec­ni­co di Salò. «Lo scopo è quel­lo di unifi­care tut­ta l’area sporti­va — sot­to­lin­ea l’assessore Berardel­li — e nat­u­ral­mente, per il nuo­vo cam­po, sarà man­tenu­ta la denom­i­nazione «Car­lo Amadei». Intan­to con­tin­u­ano i lavori nel nuo­vo sta­dio «Turi­na», per i quali il con­sigliere di mino­ran­za Mau­ro Ven­tu­ra (di Civi­ca per Salò) ha pre­sen­ta­to un’interpellanza dis­cus­sa nell’ultimo Con­siglio comu­nale. Ven­tu­ra chiede chiari­men­ti sul­lo sta­to di degra­do degli spoglia­toi del nuo­vo cam­po. Alcu­ni col­lau­di han­no con­stata­to che la dit­ta So.Co.Gi non ha ese­gui­to adeguata­mente i lavori, in par­ti­co­lare riguar­do all’impermeabilizzazione dei solai di cop­er­tu­ra degli spoglia­toi, dei servizi per il pub­bli­co e del sis­tema di scari­co delle acque nere. Il Comune ha richiesto, così, alla dit­ta l’esecuzione delle opere di ripristi­no, che non sono state ese­gui­te. I lavori di ripristi­no sono sta­ti affi­dati, allo­ra, all’impresa Sacef 73, esecutrice del sec­on­do lot­to dei lavori del­lo sta­dio (per il sec­on­do stral­cio di tri­bune, la real­iz­zazione di un sec­on­do ordine di tri­bune e la sis­temazione delle recinzioni e degli acces­si). «Le spese saran­no addeb­i­tate alla So.Co.Gi — pre­cisa Gabriele Cominot­ti, asses­sore allo Sport — vis­to che è anco­ra val­i­da la poliz­za fide­jus­so­ria». Sil­via Mus­es­ti