La casa Madre sarà benedetta dal vescovo

Oblate Sacerdotali a S. Felice

Di Luca Delpozzo
Nicola Alberti

San Felice del Bena­co alle 16.30 di domani accoglierà il vesco­vo Flavio Rober­to Car­raro, che con­cele­br­erà l’eu­cares­tia nel­la Chiesa par­roc­chiale del paese, in occa­sione del rin­no­vo del voto di con­sacrazione delle Oblate Sac­er­do­tali. Non appe­na ter­mi­na­ta la cel­e­brazione il Vesco­vo inau­gur­erà, benedi­cen­dola, pro­prio la casa Madre delle Oblate Sac­er­do­tali in via Zanardel­li 20. L’opera, recente e anco­ra poco conosci­u­ta, delle Oblate Sac­er­do­tali nasce da una felice intu­izione di Don Lucil­lo Bonet­ti, prete dioce­sano alla par­roc­chia di Portese di San Felice del Bena­co e figlio spir­i­tuale di San Gio­van­ni Cal­abria. Il par­ro­co intu­isce l’im­por­tan­za di dare speci­ficità all’­opera di per­sone che con­cretiz­zano la loro fede cat­toli­ca ded­i­can­do la pro­pria vita al servizio di sac­er­doti. L’opera mer­i­to­ria delle con­sorelle, real­iz­za­ta in prim­is a San Felice, ha un bat­tes­i­mo uffi­ciale nel 1969 con il vesco­vo di Verona Giuseppe Car­raro, che ne riconosce il val­ore di servizio e sceglie il nome di Oblate Sac­er­do­tali. Nel 1983 il vesco­vo Giuseppe Amari ero­ga canon­i­ca­mente con decre­to vescov­ile l’Opera e ne appro­va il rego­la­men­to, anche gra­zie all’in­ter­es­sa­men­to di don Got­tar­do Maestrel­lo (sos­ti­tu­to di don Lucil­lo a San Felice del Bena­co). Nel 1992 il Vesco­vo Nico­ra isti­tu­isce il con­siglio dei con­sulen­ti per l’am­min­is­trazione del pat­ri­mo­nio delle Oblate. Oggi le sorelle Oblate sono 16, alcune des­ti­nate a restare alla casa madre per accogliere e for­mare donne nubili o vedove che desideri­no dedi­car­si al servizio ausil­iario nelle case canon­iche. All’in­ter­no del­l’Is­ti­tu­to vi è una cap­pel­la aper­ta a tut­ti e dove il giovedì si cel­e­bra la San­ta Mes­sa. Per infor­mazioni sul­l’is­ti­tu­to, tele­fonare allo 0365/626276.