Oggi addio a Rainin una vita dedicata alla pesca

22/09/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
s.b.

Cor­doglio per la morte di Alber­to Bertasi, di cui già abbi­amo par­la­to nei giorni scor­si, e di Rainieri Per­inel­li, det­to Rain­in i cui funer­ali si svol­ger­an­no ques­ta mat­ti­na alle 10 con incon­tro alla Por­ta San Zeno. È il nipote di Elisa Per­inel­li, la cen­te­nar­ia che lo sor­so agos­to ha rag­giun­to la soglia del sec­o­lo di vita. Rain­in por­ta­va il nome del padre di Elisa in quan­to era il pri­mo nipote nato in casa Per­inel­li, ed il non­no Rainieri volle che il pro­prio nome fos­se rin­no­va­to con il pri­mo nipote venu­to alla luce a Lazise. Rain­in è il pri­mo di quat­tro fratel­li, tut­ti pesca­tori come lui, da sem­pre: Luciano da poco defun­to, Gian­car­lo e Berti­no. Sicu­ra­mente la famiglia più impor­tante e numerosa che a Lazise si sia ded­i­ca­ta per tut­ta una vita alla pesca. Un lavoro che è tipi­co del lago e che ha dato sem­pre scar­so red­di­to alle famiglie che lo prat­i­ca­vano. Infat­ti oggi a Lazise sono rimasti ben pochi pesca­tori di pro­fes­sione. Si con­tano sulle dita di una mano: Giuseppe Per­inel­li, figlio del decano dei pesca­tori Ame­lio, Gian­car­lo e Berti­no Per­inel­li, Gino Bara­to e Giuseppe Cam­pag­nari. Rain­in era innamora­to del suo lavoro, del suo lago, del­la sua bar­ca, rimas­ta ormeg­gia­ta nel por­to, dei suoi rè (reti). È anda­to fino a poco tem­po fa, nelle tarde ser­ate di estate e di autun­no a «metar i rè» (a col­lo­care in acqua le reti), per poi tirar­le su nel­la prim­is­si­ma mat­ti­na­ta e vendere il pesca­to ai tan­ti ris­toran­ti del­la zona. Quante not­ti inson­ni per la moglie Anna che lo aspet­ta­va vici­no alla fines­tra nelle sere cupe d’inverno, nel­la sper­an­za di un ritorno del Rain­in e del­la sua buona pesca. Con il modesto red­di­to del pesca­tore è rius­ci­to a far crescerecinque figli: quat­tro fem­mine ed un mas­chio, . L’unico che assieme ad Ald­ina ha intrapre­so una attiv­ità vic­i­na al mon­do dei pesca­tori, com­mer­cial­iz­zan­do sui mer­cati dei pae­si vici­ni il pesce del lago.

Parole chiave: