Una ventina gli equipaggi che scenderanno in acqua con qualunque condizione meteo. In forse, causa maltempo, lo spettacolo pirotecnico ai Voltoni

Oggi la sfida del Palio delle mura

Di Luca Delpozzo
(g.b.)

Capi­ta spes­so, in questi giorni, di vedere nei canali del­la fortez­za di Peschiera cop­pie di rema­tori vog­a­re su leg­gere imbar­cazioni: sono gli equipag­gi ormai pron­ti a sfi­dar­si, oggi pomerig­gio, per con­tender­si a colpi di remo la tredices­i­ma edi­zione del Palio delle mura. È la man­i­fes­tazione per eccel­len­za dell’estate aril­i­cense; quel­la che, negli anni, ha con­quis­ta­to il cuore e la pas­sione di migli­a­ia di spet­ta­tori, che pun­tual­mente si assiepano sui bas­tioni per assis­tere ai duel­li in acqua. Quel­lo del Palio delle mura è un fas­ci­no anti­co e mod­er­no insieme; anti­co per­ché la com­pe­tizione è un tutt’uno con lo stra­or­di­nario sce­nario che le fa da cor­nice: la visione dall’acqua dei bas­tioni veneziani del­la fortez­za ne trasmette, infat­ti, tut­ta l’imponenza. E a questo tuffo nel­la sto­ria e nell’architettura si aggiunge il fas­ci­no mod­er­no di una cor­sa in cui nes­suno é dis­pos­to a perdere. L’evoluzione del Palio ne ha, infat­ti, sot­to­lin­eato gli aspet­ti sportivi: la imbar­cazioni sono state rese uguali e dunque è la sola forza dell’equipaggio — quest’anno ne sono atte­si una venti­na — a fare la dif­feren­za e a spin­gere i pri­mi ver­so la lev­a­ta di remi finale nel Canale di mez­zo. «È sen­za dub­bio l’appuntamento più atte­so del­la nos­tra estate», con­fer­ma Bar­bara Vac­chi­ano, asses­sore alle man­i­fes­tazioni, «siamo pron­ti a vivere la spet­ta­co­lar­ità del Palio che, desidero sot­to­lin­eare, quest’anno coro­na una sta­gione den­sa come non mai di even­ti. Una pro­gram­mazione che, mi auguro, ha saputo sod­dis­fare le esi­gen­ze sia del­la nos­tra cit­tad­i­nan­za che dei tur­isti». Ad orga­niz­zare il Palio, il cui pre­lu­dio si è svolto ieri, anche l’associazione Remiera Peschiera, in col­lab­o­razione con Sir­ius Agency. Oggi saran­no, invece, gli sbandier­a­tori di Ser­ravalle ad aprire alle 16.15 la gior­na­ta, con la sfi­la­ta in cen­tro stori­co e l’esibizione in piaz­za Bet­teloni. Alle 17 saran­no gli equipag­gi a per­cor­rere le vie del cen­tro pri­ma del­la pre­sen­tazione uffi­ciale pre­vista per le 17.30 in piaz­za San Mar­co. Alle 18.15 inizierà la gara, con parten­za nelle acque del por­to Cap­puc­ci­ni: da lì le imbar­cazioni si lancer­an­no ver­so l’ingresso nel cir­cuito dei canali interni alla fortez­za; dovran­no per­cor­rerlo due volte, per un totale di cinque chilometri, pri­ma dell’arrivo nel Canale di mez­zo. La cer­i­mo­nia di pre­mi­azione è pre­vista per le 19.15, sem­pre in piaz­za San Mar­co; ai vinci­tori sarà con­seg­na­to il Palio dip­in­to quest’anno da Gio­van­ni Cos­su. Quin­di via a un’ultima sfi­la­ta nelle vie del cen­tro stori­co in atte­sa, alle 23, del­lo spet­ta­co­lo pirotec­ni­co dell’incendio dei Voltoni. In caso di mal­tem­po, però, i fuochi ver­ran­no riman­dati a domeni­ca prossima