Ancora una volta il binomio di animazione turistico culturale messo in atto dagli operatori del Ctg ha funzionato. Effettuate una cinquantina di escursioni nei posti più suggestivi e intriganti del territorio

Oltre 2000 turisti stregati dal Garda

22/08/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Delibori

Fino a metà di agos­to, oltre 2000 tur­isti han­no parte­ci­pa­to alle nel Gar­da-Bal­do, accom­pa­g­nati da una venti­na di ani­ma­tori tur­is­ti­co-cul­tur­ali del Ctg, apposi­ta­mente preparati da uno speci­fi­co cor­so: una cinquan­ti­na di escur­sioni e vis­ite gui­date alla scop­er­ta del ter­ri­to­rio del -Gar­da e dei suoi prin­ci­pali mon­u­men­ti, cui ne seguiran­no altret­tante fino a metà otto­bre. Si trat­ta del prog­et­to di ani­mazione tur­is­ti­co cul­tur­ale sul Gar­da e nell’entroterra, pro­mosso dal Ctg Monte Bal­do in col­lab­o­razione con le bib­lioteche del Bal­do-Gar­da e le ammin­is­trazioni comu­nali di Affi, Bar­dolino, Gar­da, Capri­no, Cavaion, Coster­mano e Tor­ri, con il patrocinio del­la Provin­cia di Verona e dell’Apt n.12. «Un suc­ces­so che tes­ti­mo­nia la «sete» di cul­tura dei tur­isti ital­iani e stranieri che fre­quen­tano il Gar­da, ai quali non bas­ta più sole, lago e buona sis­temazione», sostiene l’assessore provin­ciale al tur­is­mo e sin­da­co di Gar­da, Davide Bendinel­li. «L’offerta di una migliore accoglien­za tur­is­ti­ca anche attra­ver­so la val­oriz­zazione ambi­en­tale, stor­i­ca e cul­tur­ale del ter­ri­to­rio garde­sano e dell’entroterra è di fon­da­men­tale impor­tan­za per il tur­is­mo odier­no e futuro». La pre­dis­po­sizione di itin­er­ari par­ti­co­lari ed anche inusu­ali (visi­ta alle inci­sioni rupestri, not­turne con la luna piena) e l’apertura di alcu­ni ambi­en­ti e mon­u­men­ti poco conosciu­ti quali chiesette, ville e parchi (da San Fer­mo a San­ta Cristi­na, da Vil­la Giu­liari a Palaz­zo Car­lot­ti, da San Bar­tolomeo a San­ta Maria) in molti casi nor­mal­mente chiusi o poco acces­si­bili, va in ques­ta direzione. «Cer­chi­amo di far cogliere al tur­ista lo «spir­i­to» e l’«anima» del luo­go vis­i­ta­to in modo che pos­sa ren­der­si con­to pien­amente delle sue carat­ter­is­tiche ambi­en­tali, stori­co-artis­tiche e tradizion­ali» — ci dice Giu­liano Michelaz­zo, uno degli ani­ma­tori Ctg — «Un tur­is­mo coni­u­ga­to con la cul­tura, i cui «seg­ni» sono spar­si in tut­to il nos­tro ter­ri­to­rio; bisogna solo saper­li leg­gere ed inter­pretare in modo cor­ret­to». Il pro­gram­ma per la fine di agos­to e set­tem­bre prevede anco­ra vis­ite ed escur­sioni gui­date svolte in ital­iano, inglese e tedesco, cui tut­ti pos­sono parte­ci­pare lib­era­mente. «Come per tutte le inizia­tive nuove dob­bi­amo con­statare anco­ra una cer­ta dif­fi­coltà di comu­ni­cazione e di pro­mozione ver­so i tur­isti stranieri» con­tin­ua Sara Sil­va, altra ani­ma­trice Ctg, «ma ci si sta muoven­do anche in ques­ta direzione. Come ani­ma­tori siamo inoltre disponi­bili a pre­sentare il ter­ri­to­rio con dia­pos­i­tive in mini-con­feren­ze plurilingue pres­so strut­ture tur­is­tiche del­la zona, se sare­mo con­tat­tati». Il nutri­to pro­gram­ma delle vis­ite è pre­sente sul sito inter­net delle bib­lioteche del Bal­do-Gar­da: www.bibliobaldo-garda.easynet.it, oppure lo si può richiedere al Ctg allo 045.626.0228.

Parole chiave:

Commenti

commenti