Presentato il programma di manifestazioni. Ma non è ancora stato definito il «cartellone» del Vittoriale

Omaggio a D’Annunzio per l’estate della cultura

28/04/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
se.za.

Il comune di Gar­done Riv­iera ha approva­to il pro­gram­ma delle man­i­fes­tazioni estive. Gli «Incon­tri con i per­son­ag­gi», a cura di Maria Tere­sa Cipani, si ter­ran­no a Vil­la Alba, ore 18. I temi su cui riflet­tere saran­no la polit­i­ca inter­nazionale e, in par­ti­co­lare, il Medio Ori­ente, i rap­por­ti fra Islam e Occi­dente, l’in­for­mazione e la comu­ni­cazione, la crisi che stan­no attra­ver­san­do alcune delle mag­giori indus­trie ital­iane, l’ur­ban­iz­zazione che deve coesistere con il rispet­to del­l’am­bi­ente. Saba­to 22 mag­gio apri­ran­no Igor Man, gior­nal­ista, scrit­tore, invi­a­to spe­ciale de «La Stam­pa», e Khaled Fouand Allam, docente alle di Tri­este e Urbino. Con­dur­rà Andrea Vianel­li, di Rai 3 («Enig­ma»). Ven­erdì 28 toc­cherà a Vit­to­rio Fel­tri, diret­tore di Libero. Saba­to 5 Ser­gio Cusani e alcu­ni mem­bri delle seg­reterie di Cgil e Con­find­us­tria par­ler­an­no del piano di risana­men­to del­la Fiat. Mod­er­erà Gio­van­ni Floris, con­dut­tore di «Bal­larò». Il 26 sarà la vol­ta di un grande architet­to: Mas­si­m­il­iano Fuk­sas. L’of­fer­ta cul­tur­ale pros­egue con quat­tro con­cer­ti di musi­ca clas­si­ca, di cui tre da parte del quar­tet­to d’archi Elios (ore 20.45 di saba­to 22 mag­gio, saba­to 29 e ven­erdì 4 giug­no), in cor­so del­la Repub­bli­ca, su richi­es­ta dei com­mer­cianti, allo scopo di ren­dere più piacev­ole la passeg­gia­ta nel­la zona inter­na di Gar­done Sot­to. L’ul­ti­mo, di vio­li­no e chi­tar­ra, con Nobuhi­to Asae­da e Luca luci­ni, è pre­vis­to sot­to il por­tichet­to del­la chiesa di Morgna­ga, per val­oriz­zare una delle zone meno conosciute di questo ter­ri­to­rio. Numerose le ser­ate musi­cali sul lun­go­la­go. Ven­gono con­sid­er­ate la for­ma di intrat­ten­i­men­to più gra­di­ta al pub­bli­co. Le pro­poste spaziano dal jazz alle can­zoni napo­le­tane. In occa­sione del­la ban­car­el­la del libro, alcu­ni autori affer­mati pre­sen­ter­an­no le loro ultime opere. L’e­len­co ver­rà defini­to in segui­to. C’è l’in­ten­zione di allargare anche a edi­tori che abbiano oper­a­to scelte inter­es­san­ti. La «Set­ti­mana dan­nun­ziana» si svol­gerà nel mese di set­tem­bre, con nuovi alles­ti­men­ti sul lun­go­la­go e in alcu­ni angoli carat­ter­is­ti­ci. Gran­di tele raf­fig­u­ran­ti i prin­ci­pali inter­preti di teatro (Eleono­ra Duse, Emma Gra­mat­i­ca, Gior­gio Alber­tazzi, Lydia Alfon­si eccetera) saran­no col­lo­cate dinanzi a fon­dali di piante e fiori. Traen­do lo spun­to dal cap­ola­voro di Mar­guerite Yource­nar «Le mem­o­rie di Adri­ano», si ter­rà una ser­a­ta su «D’An­nun­zio con­tem­pla­tore del­la bellez­za maschile e del­la sua ambi­gu­i­tà». Inter­ver­ran­no il criti­co d’arte Philippe Dav­e­rio, che ha ded­i­ca­to due pun­tate di «Passep­a­rtout» al Vit­to­ri­ale, la reg­ista Ruth Shammah, lo stori­co Umber­to Sereni, l’in­tel­let­tuale Piero Gel­li e Clau­dio Stri­nati. Sono in fase di definizione altri due incon­tri: il pri­mo con Rober­to Ger­va­so (o Gio­van­ni Mino­li) ed Enzo Cicchi­no, diret­tore del pro­gram­ma «La grande sto­ria» su Raitre; il sec­on­do con Mar­cel­lo Veneziani, sui poeti maledet­ti di Fiume e altri per­son­ag­gi di quel peri­o­do stori­co. Il Vit­to­ri­ale non ha anco­ra pre­dis­pos­to il cal­en­dario del­la man­i­fes­tazioni estive. Il mese di mag­gio sarà comunque ded­i­ca­to alle com­pag­nie teatrali delle scuole medie supe­ri­ori del­la Lom­bar­dia. Dal giorno 15 nove isti­tu­ti del­la regione pre­sen­ter­an­no i loro lavori. Una giuria, pre­siedu­ta dal garde­sano Cesare Lievi, sceglierà il migliore, cui andrà un pre­mio di 2mila euro, da spendere in inizia­tive speci­fiche. Ricor­diamo che da tre mesi si sta svol­gen­do il «Teatro Gar­da Fes­ti­val», orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con il Csa di Bres­cia, l’ex Provved­i­tora­to. Numerosi gli spet­ta­coli cui han­no assis­ti­to i ragazzi: «Sgor­by­park», «Zoo sto­ry», «Risveg­lio di pri­mav­era», «La banal­ità del male», «Al di là del mare, dove dice babu», «Mar­i­onette in cer­ca di manipo­lazione», «Giamour che rac­con­ta­va sto­rie», «Caino». La chiusura sarà affi­da­ta a «Romeo e Giuli­et­ta», con l’Ac­cad­e­mia del­la voce di Rita Cos­ta, giovedì 4 mag­gio. Ulti­mati gli spet­ta­coli delle com­pag­nie di «pro­fes­sion­isti», dal 15 mag­gio sali­ran­no sul pal­co gli stu­den­ti. E, da spet­ta­tori, diven­ter­an­no pro­tag­o­nisti, sot­to gli occhi di un reg­ista del cal­i­bro di Lievi, chiam­a­to a dare i voti pro­prio come quan­do face­va il professore.