Omar Pedrini in concerto alla Fondazione Poliambulanza di Brescia

21/12/2015 in Attualità
Di Redazione
Tut­to ciò, sen­za perdere di vista la mis­sion pri­maria di Fon­dazione Poliambu­lan­za, ovvero quel­la di offrire ai pro­pri pazi­en­ti le migliori assis­ten­za e ter­apie pos­si­bili, che pas­sano anche attra­ver­so inizia­tive come ques­ta, per donare seren­ità e speranza.Proprio per­ché riv­olto a tut­ti, l’evento si svol­gerà nel­la sala d’ingresso del­la Fon­dazione, che per l’occasione sarà aper­ta a tut­to il popo­lo bres­ciano, par­ti­co­lar­mente affezion­a­to ad un artista come Omar Pedri­ni, che ha volu­to dare il pro­prio impor­tante con­trib­u­to in quest’ottica di sol­i­da­ri­età e sosteg­no di quelle realtà che, appun­to, sono parte inte­grante del­la comu­nità provin­ciale e lombarda.

CON I MIEI. BLITZ ARTISTICI NEI LUOGHI DI VITA, forte­mente volu­to dal­l’Asses­sore alle Cul­ture, Iden­tità e Autonomie di , Cristi­na Cap­pelli­ni — e real­iz­za­to con il Con­trib­u­to e il Patrocinio del­la Regione Lom­bar­dia in col­lab­o­razione con I Pomerig­gi Musi­cali e l’Associazione in Musi­ca — , è sta­to sposato imme­di­ata­mente da Fon­dazione Poliambu­lan­za. Per infor­mazioni sul pro­gram­ma del­la man­i­fes­tazione:http://www.nataleconimiei.it/

OMAR PEDRINI Inizia la car­ri­era nel 1986 con i Tim­o­ria, coi quali rag­giunge otti­mi riscon­tri di ven­di­ta a metà degli anni ’90, gra­zie agli album Viag­gio Sen­za Ven­to e 2020 Speed­ball. Nel 1996 pub­bli­ca il suo pri­mo album solista, Beat­nik – Il ragaz­zo Tat­u­a­to di Birken­head, stam­pa­to in 7000 copie. Nel mag­gio del 2006 esce il suo ter­zo album solista, Pane Bur­ro e Med­i­cine, antic­i­pa­to dal sin­go­lo “Shock”, che con­tiene, tra le altre can­zoni, la cov­er di “Tre Volte Lacrime”, il bra­no più rap­p­re­sen­ta­ti­vo del­la new-wave band Diafram­ma. È docente di “Lab­o­ra­to­rio di com­po­sizione e real­iz­zazione di una can­zone pop” (30 ore) pres­so il mas­ter in comu­ni­cazione musi­cale per la discografia e i media del­l’ Cat­toli­ca del Sacro Cuore di Bres­cia. Nel 2009 real­iz­za la title track del­la colon­na sono­ra del film di Pupi Avati, Il Figlio Più Pic­co­lo, dove inter­pre­ta anche un cam­meo. Il 23 giug­no 2010 esce un nuo­vo album, La Capan­na del­lo Zio Rock, descrit­to dal­lo stes­so Omar come “un bel dis­cone con tut­to il meglio dei Tim­o­ria più alcu­ni inediti”.
Nel 2011 inizia un tour con una nuo­va band, ripro­po­nen­do il meglio dei Tim­o­ria e alcu­ni brani inedi­ti del­la sua car­ri­era solista. Il 19 aprile 2011, al teatro Cre­berg di Berg­amo, duet­ta con in una delle can­zoni più impor­tan­ti dei vec­chi Tim­o­ria: Sangue Impazz­i­to. E nel cor­so di una inter­vista, entram­bi fan­no trasparire la voglia di col­lab­o­rare nel­la stesura di qualche pez­zo… Nei mesi di mag­gio e giug­no 2011 parte­ci­pa al tour in alcune uni­ver­sità ital­iane di “Edi­son Change The Music”, per pro­muo­vere inizia­tive ecosolidali.
Il 28 mag­gio del 2014, esce final­mente (dopo ben otto anni dal­l’ul­ti­mo album di inedi­ti) Che Ci Vado A Fare A Lon­dra? — Sto­rie Dal Piane­ta Blu.