Sulla rivista "La comunità del Garda", n.2/3, è apparso recentemente un articolo del dottor Adalberto De Casto, della Commissione per la regolazione dei livelli del lago.

Onde Novembrine

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Sulla rivista “La comunità del Garda”, n.2/3, è apparso recentemente un articolo del dottor Adalberto De Casto, della Commissione per la regolazione dei livelli del lago. Particolarmente interessante è la parte dedicata alla lagheggiata del 7 novembre scorso che è stata registrata anche nell’Alto Carda. “Ritenere che questa lagheggiata – scrive Da Casto – abbia provocato danni a causa del livello del lago troppo alto, è una tesi confutata dal Nucleo Operativo di Mantova, dipendente dal Magistrato delle Acque: È soltanto il vento la causa delle burrasche e degli effetti provocati, amplificati o meno a seconda di vari fattori (angolo di incidenza delle onde sul manufatto costiero, intensità e costanza del vento, ampiezza del bacino, morfologia costiera ecc.). Con il vento di 60 chilometri all’ora, in bacini di 20,100, 500 chilometri, si possono produrre onde rispettivamente 2,4, e 6 metri”. “La burrasca del 7 novembre scorso ha coinciso inoltre con un livello del lago molto al di fuori dei limiti “consigliati” o “imposti” per il periodo autunnale. Tutte queste considerazioni hanno portato l’Assemblea della Comunità nell’ultima seduta, che si è svolta a Sirmione, a decidere la costituzione di un direttorio per la regolazione dei livelli del Carda, composto dai rappresentanti della Comunità, del Consorzio del Mincio e dell’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente di Trento, che affiancherà il Magistrato delle Acque di Venezia, rappresentato dal Nucleo Operativo di Verona e Mantova

Parole chiave:

Commenti

commenti