Nella carica dei 1,200 brava anche Kate Roberts

Ony Moulai, un due e tre! Un Missile a Bardolino

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

-   A vince il francese Moulai, 2° nel 2007 e 3° nel 2006–   Tra le donne la sudafricana Roberts fa il vuo­to con la bici e di cor­sa–   Il cara­biniere D’Aquino va in fuga con la bici, poi sof­fre nel­la “run­ning”-   Una gara di suc­ces­so come numeri (1200) e come qual­ità di parte­ci­pan­ti Bar­dolino, la car­i­ca del 1.200 oggi nel Inter­nazionale sul Gar­da, con un grande Tony Moulai che ha mes­so in riga atleti di liv­el­lo olimpi­co. Suc­ces­so straniero anche tra le donne, con la sudafricana Kate Roberts una span­na sopra tutte.Giornata bel­la quel­la di oggi, dopo la tem­pes­ta del­la notte che non face­va pre­sa­gire nul­la di buono. La tem­per­atu­ra fres­ca ha aiu­ta­to gli atleti ed infat­ti i tem­pi, gra­zie anche al lot­to qual­i­fi­ca­to di con­cor­ren­ti al via, sono di tut­to rispet­to, per non dire da record.Lago mosso alle 12.30, quan­do si sono tuffate in acqua per prime le donne per la frazione di 1.5 km, e subito una sor­pre­sa con Ele­na Stampfli che con­clude la sua pro­va alla pari con la svizzera, atle­ta di Cop­pa del Mon­do, Melanie Anna­heim. Stac­ca­ta di una man­ci­a­ta di sec­on­di la sudafricana Kate Roberts e incol­la­ta Sil­via Gem­ini­ani. Balzate in sel­la, le ragazze han­no poi affronta­to i 40 km davvero a tut­ta, con la slove­na Sim­ic bra­va a sgus­cia­re via dal grup­pet­to delle migliori quat­tro nel finale di frazione, e con la Roberts a 300 metri dal “cam­bio” in dif­fi­coltà con la sua bici, tan­to da essere costret­ta a scen­dere di sel­la e spinger­la di forza.Tra gli èlite maschi dopo il giro di boa nelle acque di Pun­ta Cor­ni­cel­lo, Leonar­do Bal­leri­ni ha pre­so alcune lunghezze di van­tag­gio su Luciano Farias e l’attesissimo Polikarpenko, l’ucraino che ha vin­to ben sei edi­zioni del­la gara di Bar­dolino, pri­ma gara di triathlon in Italia e forte di 26 edizioni.Saliti in bici, Andrea D’Aquino ha cer­ca­to di movi­menta­re il grup­po dei migliori,  poi dopo una deci­na di chilometri ha pre­so l’iniziativa e se n’è anda­to via da solo, guadag­nan­do oltre 30” sul gruppetto.Uno tra i più attivi per oper­are il rien­tro del grup­po è sta­to Jonathan Cia­vat­tel­la che si è trasci­na­to in scia il francese Tony Moulai. I due han­no rag­giun­to D’Aquino sui tor­nan­ti di Cristane, men­tre dietro il grup­po non è sta­to mai capace di far­si sot­to. Ad Affi, Polikarpenko è sta­to costret­to a fer­mar­si per prob­le­mi mec­ca­ni­ci, ha ripreso con una trenti­na di sec­on­di di dis­tac­co, trop­po per rien­trare sui primi.A metà del­la frazione ciclis­ti­ca, la clas­si­fi­ca sem­bra­va ormai decisa, ma a sei chilometri dall’arrivo il colpo di sce­na. Il terzet­to in fuga con oltre un min­u­to sul grup­po dei migliori, perde Cia­vat­tel­la vit­ti­ma di una foratu­ra. È Moulai il migliore a chi­ud­ere la frazione in bici, segui­to da D’Aquino e da Alessan­dro Degasperi, che nel nuo­to non era rius­ci­to a trovare il rit­mo gius­to, uscen­do addirit­tura 38°.Le donne, con al coman­do la sudafricana Roberts, nel cor­so del­la frazione podis­ti­ca di 10 km (in due giri den­tro la cit­tà di Bar­dolino e attra­ver­so una passerel­la sul lun­go­la­go) sono state rag­giunte dai maschi.Moulai è sta­to il più veloce anche nel­la cor­sa e di con­seguen­za è logi­co il suo bal­zo vit­to­rioso sul podio, dopo il sec­on­do pos­to del 2007 ed il ter­zo del 2006. Una Bar­dolino che por­ta for­tu­na ai france­si, dunque, con Moulai che suc­cede nell’albo d’oro al con­nazionale Nico­las Beck­er, oggi non in for­ma smagliante e solo 12°.Alle spalle di Moulai (1h55’58) un sod­dis­fat­to Andrea D’Aquino che ha sof­fer­to molto nel­la cor­sa facen­do seg­nare “solo” l’11° tem­po. Sul podio anche il ceco Mar­tin Krnavek davan­ti a Csa­ba Ren­des, all’altro D’Aquino (Emilio), al vinci­tore di Bar­dolino 2007 Csa­ba Kut­tor e all’azzurro Daniel Fontana, lui che con D’Aquino è sta­to il por­ta­col­ori ital­iano alle Olimpiadi.Tra le donne, velocis­si­ma anche con le scar­pette, Kate Roberts è arriva­ta tra gli applausi del pub­bli­co col tem­po di 2h12’32”, poi sul podio sono finite anche l’ungherese Zita Szabo a 52” e la svizzera Melanie Anna­heim a 1’13”.Una nuo­va edi­zione di suc­ces­so per il Triathlon di Bar­dolino, un even­to sem­pre più inter­nazionale, che tra i maschi non vede un ital­iano al pri­mo pos­to fin dal 1996.Info: www.triathlonbardolino.it Maschile:1) Moulai Tony (Fra) 01:55:58; 2) D’Aquino Andrea (C.S.Carabinieri) 01:57:10; 3) Krnavek Mar­tin (Cze) 01:57:31; 4) Ren­des Csa­ba (Tri­cre­monastradi­vari) 01:57:39; 5) D’Aquino Emilio (C.S.Carabinieri) 01:57:42; 6) Kut­tor  Csa­ba (Los Tigres) 01:57:46; 7) Fontana Daniel (Dds) 01:57:49; 8) Risti Ivan (Triathlon­lec­co) 01:57:56; 9) Poc­sai Bal­azs (Slo) 01:58:12; 10) Bajai Peter (Hun) 01:58:22 Femminile1) Roberts Kate (Rsa) 02:12:32; 2) Szabo Zita (Hun) 02:13:24; 3) Anna­heim Melanie (Sui) 02:13:45; 4) Sim­ic Mate­ja (Slo) 02:15:05; 5) Gemignani Sil­via (Dds) 02:18:30; 6) Forstner Renate (Ger) 02:20:36; 7) Walko Andrea (Hun) 02:21:22; 8) Gei­jo Pamela (Arg) 02:22:29; 9) Cib­in Mon­i­ca (Tri­cre­monastradi­vari) 02:23:13; 10) Bet­to Alice (Tri Novara) 02:23:20 

Parole chiave:

Commenti

commenti