Prosegue il primo corso per operatori culturali sul territorio gardesano organizzato dalla Federazione delle associazioni gardesane con il finanziamento della Regione

Operatori culturali a lezione di storia gardesana

Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Pros­egue il pri­mo cor­so per oper­a­tori cul­tur­ali sul ter­ri­to­rio garde­sano orga­niz­za­to dal­la Fed­er­azione delle asso­ci­azioni garde­sane con il finanzi­a­men­to del­la Regione. Oggi alle ore 15 al cen­tro sociale di Desen­zano in via Castel­lo 80, è in cal­en­dario una con­feren­za del gior­nal­ista Tul­lio Fer­ro sul tema «Pre­sen­ze impor­tan­ti e sto­rie del Gar­da». L’appuntamento s’inserisce nel­la serie d’incontri di autori di sto­rie locale che fino­ra han­no riguarda­to scrit­tori che han­no pub­bli­ca­to lib­ri su Lona­to, Desen­zano, Polpe­nazze, Vil­lan­uo­va sul Clisi, San Felice del Bena­co, Limo, Tremo­sine e prossi­ma­mente anche Gar­da e Gar­done Riv­iera. Le con­feren­ze si svol­go­no par­al­le­la­mente (e a giovedì alterni) nel salone refet­to­rio del cen­tro sociale di Desen­zano e il palaz­zo Fan­toni a Salò. Il cor­so volu­to dal­la Fed­er­azione delle asso­ci­azioni garde­sane può con­tare sul­la pre­sen­za di una cinquan­ti­na di stu­diosi prove­ni­en­ti dal ter­ri­to­rio garde­sano e dalle province lim­itrofe. È inizia­to il 3 feb­braio e pros­eguirà nell’attività didat­ti­ca fino alla fine di giug­no. Sem­pre in questi giorni è decol­la­to il pre­vis­to tirocinio prati­co nelle asso­ci­azioni che for­mano la fed­er­azione e che ter­min­erà il 30 set­tem­bre. La parte prat­i­ca prevede la for­mazione d’itinerari tur­is­ti­co cul­tur­ali in Valte­n­e­si e in Alto Gar­da nonché l’inizio di un cen­si­men­to di tut­ti i beni cul­tur­ali che porterà più avan­ti al loro inser­i­men­to nel­la ges­tione tur­is­ti­co cul­tur­ale del ter­ri­to­rio garde­sano. La direzione del cor­so è affi­da­ta al pro­fes­sor Giampi­etro Bro­gi­o­lo. Per infor­mazioni si può tele­fonare allo 030 — 9900411 oppure allo 0347 — 9798463. Per il prossi­mo autun­no è in fase di preparazione anche un con­veg­no sul tur­is­mo cul­tur­ale garde­sano. Sarà ques­ta una grande sin­te­si del lavoro svolto in questi mesi: dall’archeologia come stru­men­to di anal­isi ter­ri­to­ri­ale, ai prog­et­ti di ricer­ca in cor­so, alla tutela e alla piani­fi­cazione ter­ri­to­ri­ale, pas­san­do per la val­oriz­zazione agri­co­la e cul­tur­ale all’archeologia sub­ac­quea, per finire ai rap­por­to tra isti­tuzioni asso­ci­azion­is­mo e imprenditoria.