Nel corso dei mesi invernali, all'interno del torrione della Rocca è stata costruita la scala che consentirà di realizzare una vecchia aspirazione

Ora è possibile salire sul mastio della Rocca

15/02/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Nel cor­so dei mesi inver­nali, all’in­ter­no del tor­rione del­la Roc­ca è sta­ta costru­i­ta la scala che con­sen­tirà di real­iz­zare una vec­chia aspi­razione colti­va­ta nel­la sper­an­za di incre­mentare il totale dei vis­i­ta­tori del civi­co : quel­la cioè di offrire la pos­si­bil­ità d’uno sguar­do dal­l’al­to, sul cen­tro cit­tà, sul lago, sul con­ta­do fino ad Arco ed oltre. Pri­ma di aprire al pub­bli­co, serve un ulti­mo ritoc­co: la costruzione d’u­na pro­tezione, sor­ta di cupo­la o tet­toia, in vetro, sul­l’us­ci­ta che impedis­ca ai pio­vaschi di pen­e­trare all’in­ter­no a dan­neg­gia­re scala e pianerot­toli. Per l’es­tate prossi­ma il mas­tio è vendibile come attrazione tur­is­ti­ca. L’idea è quel­la di offrire anche la sali­ta a torre Apponale uti­liz­zan­do lo stes­so bigli­et­to. Il museo, che vuole essere anche doc­u­men­to del ter­ri­to­rio, apre davvero una «fines­tra gardesana».

Parole chiave: