Collocata in località Molino

Ora la Madonnina benedice i passanti

28/04/2002 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Salò

A Salò, in local­ità Moli­no, è sta­ta col­lo­ca­ta la «Madon­ni­na del pas­sante». Sis­tem­a­ta in una pic­co­la grot­ta di tufo, «sor­ride» ai pedoni e agli auto­mo­bilisti in tran­si­to. Ieri ha rice­vu­to la benedi­zione del par­ro­co, don Francesco Andreis, che ha promes­so un’al­tra ser­a­ta (con rosario) in mag­gio. L’inizia­ti­va è dovu­ta a due : Dante Bac­co­lo e «Dado» Boc­chio. Sono sta­ti loro a real­iz­zare l’opera, e a sis­temar­la vici­no al vec­chio muli­no. Il moti­vo? «In pas­sato sono accadu­ti due episo­di che ci han­no fat­to riflet­tere — ram­men­ta Bac­co­lo -. La trom­ba d’aria che sradicò un piantone, e la bal­la di fieno che rotolò lun­go il pianoro, sen­za provo­care dan­ni. Sul­la stra­da, che costeggia il lago, qualche istante pri­ma c’er­a­no alcu­ni ragazz­i­ni in motori­no. A dimostrazione che, tal­vol­ta, bas­ta un atti­mo di anticipo o di ritar­do per evitare un inci­dente o una dis­grazia. Come se, sul­la nos­tra tes­ta, ci fos­se una mano pro­tet­trice. Da qui l’idea del­la Madon­ni­na del pas­sante». Nel pic­co­lo taber­na­co­lo Dante e Dodo han­no mes­so anche una stel­la alpina, e un bocia che tira un mulo. Tan­to per far capire la loro «par­roc­chia» di apparte­nen­za. I pre­sen­ti alla cer­i­mo­nia han­no augu­ra­to lun­ga vita alla stat­uet­ta. Il ris­chio, infat­ti, è che qual­cuno deci­da, di nascos­to, di por­tar­si a casa la Madon­ni­na, per met­ter­la su una men­so­la o in giardino.

Parole chiave: